Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 11:53
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Chi è Teresa Bellanova, la nuova ministra dell’Agricoltura del governo Pd-M5S

Immagine di copertina

La senatrice dem è stata indicata per guidare il Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali del governo Pd-Movimento 5 Stelle

Chi è Teresa Bellanova, la ministra dell’Agricoltura del governo Pd-M5S

La nuova ministra dell’Agricoltura del governo Pd-M5S è Teresa Bellanova, senatrice del Pd.

Bellanova prende il posto di Gian Marco Centinaio, ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali scelto dalla Lega nell’ormai ex governo giallo-verde (qui la lista ufficiale dei ministri del nuovo governo).

Chi è la ministra dell’Agricoltura del governo Pd-M5S

Teresa Bellanova è nata a Ceglie Messapica, in provincia di Brindisi, nel 1958.

Da giovanissima ha cominciato a lavorare e si è iscritta alla Cgil partecipando alle lotte contro il caporalato. La sua carriera di sindacalista inizia fra le fila di Federbraccianti come coordinatrice regionale.

Nel 2006 entra per la prima volta in parlamento con l’Ulivo e lo stesso anno partecipa alla costituente del Partito Democratico.

Viene eletta nuovamente alla Camera dei deputati nel 2013 e nominata sottosegretario di Stato nel governo Renzi nel 2014. Nel 2016 diventa viceministro dello Sviluppo economico, e mantiene la carica anche nell’esecutivo guidato da Gentiloni.

Alle elezioni del 4 marzo 2018 viene eletta al Senato della Repubblica nelle liste del Partito democratico. A palazzo Madama fa parte della Commissione permanente Industria, commercio, turismo.

È una storica sindacalista, da sempre impegnata nel contrasto alla piaga del caporalato. Inizia la sua carriera nei sindacati appena ventenne, nel settore dei braccianti e poi diventa coordinatrice regionale delle donne Federbraccianti. Ha lavorato nel sud–est barese per poi spostarsi in provincia di Lecce, a Casarano. Nel 1988 viene nominata Segretaria Generale provinciale della Flai (Federazione Lavoratori AgroIndustria), nella provincia di Lecce.

“Allora come oggi la rappresentanza del lavoro e la difesa dei diritti delle persone costituiscono il tratto caratteristico ed irrinunciabile del mio impegno politico e sindacale e la mia stessa dirittura di vita”, scrive la Bellanova sul suo sito.

Qui tutti gli aggiornamenti su tutte le ultime news che riguardano il nuovo governo Pd-M5s

In passato Teresa Bellanova si è duramente scontrata con il leader M5s Luigi Di Maio:

Ti potrebbe interessare
Politica / Il Green pass divide la Lega: il 40% dei leghisti non vota la fiducia al decreto alla Camera
Politica / Elezioni amministrative del 3-4 ottobre 2021: candidati, orari, legge elettorale
Politica / Il messaggio in codice di Prodi a Mattarella: “Un incarico settennale a 82 anni è un’incoscienza”
Ti potrebbe interessare
Politica / Il Green pass divide la Lega: il 40% dei leghisti non vota la fiducia al decreto alla Camera
Politica / Elezioni amministrative del 3-4 ottobre 2021: candidati, orari, legge elettorale
Politica / Il messaggio in codice di Prodi a Mattarella: “Un incarico settennale a 82 anni è un’incoscienza”
Politica / Lega, la crisi interna arriva su Whatsapp: “Decide tutto Draghi, meglio la scissione”
Politica / Draghi: “Emergenza climatica come la pandemia, agire subito o sarà troppo tardi”
Politica / Perché la Cultura sarà importante per il prossimo sindaco di Roma
Politica / Prodi a Letta: “I diritti non bastano, il Pd faccia più proposte forti”
Politica / Green Pass, Letta: “Salvini su questi temi è irrilevante nel Governo, nemmeno la Lega lo segue”
Politica / Don Matteo della Mancia: Salvini ha scambiato i social per la realtà e si è perso per strada la Lega
Politica / Il candidato di centrodestra Bernardo agli alleati: "Datemi i soldi della campagna elettorale o mi ritiro"