Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:41
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”

Immagine di copertina
Credit: EPA/CLEMENS BILAN

Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”

“L’uomo più capace”. Così il finanziere George Soros ha definito Mario Draghi, esaltando il presidente del consiglio come un leader in grado di “far avanzare” le posizioni europee e di affrontare Vladimir Putin sul tema critico del gas, dotato di “iniziativa, immaginazione, alta reputazione”.

Durante una cena a margine del World Economic Forum di Davos, il miliardario ungaro-americano ha detto di aver scritto una lettera all’ex presidente della banca centrale europea, in cui ha esortato l’Europa a far leva sulla propria posizione di forza per rendersi indipendente dalle importazioni energetiche di Mosca dopo l’invasione dell’Ucraina, anche tramite l’imposizione di una tassa sul gas.

Nel messaggio, scritto il 23 maggio, Soros ha ribadito che l’Europa è “l’unico mercato” per il gas russo. Una posizione simile a quella articolata da Draghi nelle scorse settimane, nel promuovere l’imposizione di un tetto europeo al prezzo del gas russo. “Se non dovesse fornire l’Europa, dovrà chiudere i pozzi in Siberia da dove il gas proviene”, ha scritto Soros. “Chiuderli richiede tempo e una volta che sono chiusi, sono difficili da riaprire a causa dell’età dei macchinari”.

Secondo il finanziere, a lungo sostenitore della “società aperta”, “è urgente che [l’Europa] si prepari a usare il suo potere negoziale”, anticipando i preparativi per rendersi indipendente dalla Russia, prima del prossimo inverno. I paesi membri dovrebbero prima impedire a Putin di chiudere i rubinetti, quando una decisione simile potrebbe ancora fare male, e poi imporre “una pesante tassa sulle importazioni di gas, in modo che il prezzo al consumo non scenda, ma la UE guadagni un gettito in da usare per sostenere i poveri e investire in energia verde”. In questo modo “la Russia non recupererà mai le vendite che ha perso” e l’UE avrà dato un forte segnale di unità e assestato un colpo al “dittatore” di Mosca.

Oltre alla contesa con la Russia, secondo Soros l’UE dovrà fare “un passo avanti verso un’Europa parzialmente federata” descritta come “un vantaggio enorme”.

Ti potrebbe interessare
Economia / Leonardo fa affari d’oro con le guerre, ma allo Stato azionista restano pochi spiccioli
Economia / Le 9 previsioni sulla mobilità del futuro
Economia / Nel cuore di Roma il lancio di “Airport in the city”, il nuovo servizio di ADR
Ti potrebbe interessare
Economia / Leonardo fa affari d’oro con le guerre, ma allo Stato azionista restano pochi spiccioli
Economia / Le 9 previsioni sulla mobilità del futuro
Economia / Nel cuore di Roma il lancio di “Airport in the city”, il nuovo servizio di ADR
Economia / Innovazione protagonista agli Asecap Days 2024
Economia / Agricoltura: un’azienda di Montalcino al terzo posto nella classifica italiana delle imprese più sostenibili
Economia / L’Area Studi Mediobanca presenta il report “Le multinazionali industriali mondiali con focus sui Gruppi della Difesa”
Economia / Banca Ifis: l’utile netto del primo trimestre 2024 cresce a 47 milioni di euro
Economia / Perché gli allevamenti intensivi nuocciono gravemente (anche) alla nostre salute
Economia / Nuovi Ogm: le mani delle multinazionali della chimica sull’agricoltura europea
Economia / Egemonia alimentare: i 4 colossi che controllano il mercato della carne negli Usa