Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:37
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Salvini a TPI: “Regionali? A far cadere il governo ci penso io”

 

“A far cadere il governo ci penso io”. Lo ha affermato il leader della Lega Matteo  Salvini ai microfoni di TPI a margine del comizio elettorale di centrodestra a Bari organizzato in vista delle Elezioni Regionali del 20 e 21 settembre 2020.

Rispondendo alla domanda sulle contestazioni di questi ultimi giorni a Firenze, Salvini ha detto: “Quando uno lancia bottiglie e pomodori non è un contestatore, è un cretino. Se uno non la pensa come me a Milano, a Bari o Lampedusa è libero di esprimere le sue idee. Quando uno invece delle idee lancia oggetti, bottiglie, pomodori. O quando uno strappa camice o rosari dal collo delle persone non è un contestatore… È un cretino! E io con i cretini non perdo tempo”.

Poi sulle regionali l’ex ministro dell’Interno ha affermato: “Se dovessimo vincere in Puglia sarà una bella notizia per i pugliesi. Io spero che il governo vada a casa il prima possibile, a prescindere dal voto delle Regioni e del referendum. Perché dalla Bellanova alla Azzolina, da Bonafede alla Lamorgese stanno litigando e fallendo tutti. Il voto è importante per le Regioni, per gli ospedali pugliesi, o gli acquedotti pugliesi. Ma a far cadere il governo nazionale ci penso io!”.

“La posizione della Lega sul referendum – ha concluso Salvini –  è per il sì, ho votato sì 4 volte e voterò sì la quinta volta, non faccio il Renzi qualunque che prima vota no e poi per salvar la poltrona vota sì. Detto questo, se c’è qualcuno che dirà no, non sarò io a espellerlo, la posizione della Lega è ufficiale, non è mai cambiata. Il referendum è il trionfo della democrazia e libertà di pensiero, non siamo mica in Venezuela“.

Leggi anche: 1. Salvini sul No di Giorgetti al referendum: “La Lega non è una caserma” / 2. Fondi Lega, la Finanza piomba negli uffici della Lombardia Film Commission per acquisire documenti / 3. Lombardia Film Commission, agli arresti domiciliari i tre commercialisti vicini alla Lega / 4. I pm indagano sulla Lega: nel mirino il progetto di aprire conti correnti regionali

Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi: “Oltre 1.200 le morti sul lavoro nel 2021, c’è ancora molto da fare”
Politica / Mattarella revoca “per indegnità” la nomina di Cavaliere al premier russo Mishustin
Politica / Processo Ruby Ter, Berlusconi: “Accanimento giudiziario e politico, vogliono fermarmi”
Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi: “Oltre 1.200 le morti sul lavoro nel 2021, c’è ancora molto da fare”
Politica / Mattarella revoca “per indegnità” la nomina di Cavaliere al premier russo Mishustin
Politica / Processo Ruby Ter, Berlusconi: “Accanimento giudiziario e politico, vogliono fermarmi”
Politica / Ciriaco De Mita: le cause della morte dell’ex premier e segretario della Dc
Politica / È morto Ciriaco De Mita: l’ex premier e segretario della Dc aveva 94 anni
Politica / Processo Ruby ter: il pm di Milano chiede di condannare a 6 anni Silvio Berlusconi
Economia / Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”
Politica / “Chi fa politica mette in conto la prigione”: le lettere dal carcere del giovane Berlinguer
Politica / Il discorso del 1969 che consacrò la leadership di Enrico Berlinguer
Politica / Dalla strada sbarrata per il Quirinale all’irrilevanza sulla crisi Ucraina: Draghi ha perso il whatever it takes