Covid ultime 24h
casi +31.084
deceduti +199
tamponi +215.085
terapie intensive +95

Salvini a Cantù: “Vogliamo figli italiani, non quelli che arrivano dai barconi già belli e confezionati”

Di Maria Elena Gottarelli
Pubblicato il 29 Apr. 2019 alle 16:22 Aggiornato il 29 Apr. 2019 alle 17:07
0
Immagine di copertina
Matteo Salvini durante un comizio a Cantù (Como), 28 aprile 2019

In visita nella città di Cantù (Como) domenica 28 aprile, il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha toccato diversi temi, fra i quali la lotta contro la droga, il sostegno al sindaco di centrodestra Alice Galbiati, ma anche il suo apprezzamento per la famiglia tradizionale.

Matteo Salvini trollato (ancora una volta)

Questa volta però nel mirino del leader della Lega non c’erano le coppie omosessuali e le diciture “genitore A” e “genitore B”, ma le famiglie di migranti colpevoli di minacciare il “made in Italy” attraverso la “sostituzione di popoli”.

Matteo Salvini lascia in macchina la fidanzata Francesca Verdini durante il suo comizio | VIDEO

Matteo Salvini ha invitato sul palco una famiglia con sei figli. Dopo essersi congratulato con il padre il vice primo ministro ha affermato: “È questa l’Italia per cui stiamo lavorando: che i figli nascano a Cantù e non ci arrivino dai barconi dall’altra parte del mondo già belli e confezionati”.

Francesca Verdini con la scorta dal parrucchiere dei vip: i paparazzi la infastidivano

“Le sostituzioni di popoli con popoli che sostiene una certa sinistra a me non piacciono” ha concluso Matteo Salvini.

La Lega propone il “bonus matrimonio” in Chiesa: agevolazioni per i giovani under 35

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.