Covid ultime 24h
casi +20.648
deceduti +541
tamponi +176.934
terapie intensive -9

Salvini visita Codogno e Piacenza: assembramenti e selfie senza mascherina

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 28 Giu. 2020 alle 14:15 Aggiornato il 28 Giu. 2020 alle 18:26
1.8k

Salvini a Codogno e Piacenza, assembramenti e selfie ravvicinati

“Su Codogno nei mesi scorsi ne hanno dette di tutti i colori, gente che questa città non la conosce: tacete e portate rispetto a chi non c’è più”, dice Salvini dal piccolo palco di Codogno che lo ha accolto oggi, domenica 28 giugno, per dare il via a un tour in Lombardia in vista degli impegni elettorali del prossimo autunno. Dopo essersi recato nel comune di Piacenza e aver incontrato la sindaca di centro-destra Patrizia Barbieri, il segretario del Carroccio a Codogno ha voluto ricordare i decessi registrati nel luogo da cui tutto è partito il 21 febbraio scorso. Eppure le modalità degli incontri sono stati simili a quelli per cui il leader della Lega è stato già criticato nelle ultime settimane, e cioè non del tutto aderenti alle norme anti-Covid. Come si vede dai video condivisi sui social, i militanti sono assembrati senza rispettare le distanze di sicurezza, alcuni non portano la mascherina. Poi arrivano gli immancabili selfie: e se a Codogno Salvini ha sempre portato il dispositivo di sicurezza, negli scatti di Piacenza non indossa la mascherina, così come i protagonisti delle sue foto, che posano ravvicinati.

Un “cattivo esempio” che risulta ancora più grave nei comuni più duramente colpiti dalla pandemia. Mentre Salvini è a Codogno, il Capo dello Stato Sergio Mattarella si trova a Bergamo per la Messa da Requiem in onore ai morti per Coronavirus. Un momento solenne che ha suscitato alcune polemiche tra i parenti delle vittime per la presenza del governatore Attilio Fontana, ritenuto dal comitato “Noi denunceremo – Verità e giustizia per le vittime Covid-19” responsabile per gli effetti distruttivi del Coronavirus in regione, e in particolare nella provincia di Bergamo. Come noto, la mancata istituzione della zona rossa nella Valseriana ai primi di marzo è indicata da molti tra i fattori che hanno impedito di arginare i contagi.

Leggi anche: 1. Salvini in treno senza mascherina e sul posto vietato: polemica sulla foto del leader della Lega 2. Perché questa fase di impasse rischia di logorare più Salvini e Meloni che la maggioranza giallorossa 3. Mondragone, Bartolini, Val Seriana: tra profitto e salute indovinate chi vince col Covid 4. Mattarella a Bergamo per la Messa da Requiem in onore ai morti per Coronavirus

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

1.8k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.