Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:12
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Quando Renzi diceva: “Ridicolo avere 945 parlamentari”. Oggi spinge per il No al referendum | VIDEO

 

Quando Renzi diceva: “Ridicolo avere 945 parlamentari” | Referendum

Si avvicina il referendum sul taglio dei parlamentari e Italia Viva è uno dei più ferventi sostenitori del “No”: eppure sul tema il suo leader, Matteo Renzi, pochi anni fa la pensava in modo completamente diverso. Era il 31 maggio 2016 e davanti all’assemblea diColdiretti, riunita a Milano in occasione della Giornata nazionale del latte, l’allora premier spiegava i motivi secondo cui era urgente ridurre il numero di deputati e senatori in vista del referendum costituzionale del 4 dicembre. “La riduzione del numero dei politici – spiegava Renzi – è la priorità per essere credibili. Per cambiare c’è bisogno che anche la politica dia un segnale. Abbiamo troppi parlamentari in Italia”.

“Su questa battaglia – continuava Renzi – da solo però non ce la faccio, ho bisogno di voi. Poi se un’altra volta volete mandarmi a casa fatelo pure, non me ne frega niente, questa si chiama democrazia. Ma in Italia abbiamo un Parlamento di 945 parlamentari, è ridicolo, è il numero più grande e costoso del mondo. Non meritiamo questo: meritiamo di semplificare e avere Regioni che siano più in grado di governare nelle materie che hanno”.

Oggi, però, Renzi spinge affinché il 20 e il 21 settembre gli elettori facciano vincere il “No” al taglio dei parlamentari. Solo qualche giorno fa, in un’intervista rilasciata a La Nuova Sardegna, l’ex presidente del Consiglio ha definito il voto “più inutile che dannoso, una mossa demagogica”.

Leggi anche: 1. Quando il taglio dei parlamentari piaceva a tutti. Da Bozzi a Renzi: i tentativi falliti di riforma / 2. La politologa Urbinati a TPI: “Taglio dei parlamentari? Così il M5S favorisce la casta” / 3. Referendum: il PD alla ricerca di una difficile sintesi tra sostenitori del Sì e del No / 4. Taglio dei parlamentari: ecco cosa prevede la riforma e come funziona il referendum

Ti potrebbe interessare
Politica / Pd, al via la direzione nazionale. Letta: “Nati per stare all’opposizione, mai più governi di salvezza”
Politica / Pnrr: è scontro tra Draghi e Meloni. La leader FdI: “Siamo in ritardo”, ma il premier smentisce
Politica / Salvini insiste per il Viminale ma apre ad altre cariche di “alto profilo”
Ti potrebbe interessare
Politica / Pd, al via la direzione nazionale. Letta: “Nati per stare all’opposizione, mai più governi di salvezza”
Politica / Pnrr: è scontro tra Draghi e Meloni. La leader FdI: “Siamo in ritardo”, ma il premier smentisce
Politica / Salvini insiste per il Viminale ma apre ad altre cariche di “alto profilo”
Politica / Governo, Meloni: “Sì ai tecnici. Non mi farò imporre nomi che non siano all’altezza del compito”
Politica / Governo, FdI: “Nessun veto sul ritorno di Matteo Salvini al Viminale”
Politica / Meloni a Zelensky: “Pieno sostegno alla causa della libertà del popolo ucraino”
Politica / Lega: “Pieno mandato a Salvini”. Il Carroccio punta sui ministeri dell’Interno e dell’Agricoltura
Economia / Centrodestra, con il primo decreto torna il condono: è il secondo in meno di due anni
Economia / Totoministri, venti di recessione: Meloni punta sul tecnico Panetta all’Economia
Politica / Lampedusa, il vicesindaco leghista diserta la commemorazione per i migranti: “Solita passerella”