Covid ultime 24h
casi +24.099
deceduti +814
tamponi +212.714
terapie intensive -30

Verso il nuovo Dpcm, dalle zone rosse al coprifuoco alle 21: ecco tutte le misure

Zone rosse locali, orari di chiusura anticipati anche per i negozi, didattica a distanza e limitazioni agli spostamenti tra le Regioni. Queste le misure che starebbe valutando il governo e che potrebbero entrare in vigore già oggi, lunedì 2 novembre

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 2 Nov. 2020 alle 07:36 Aggiornato il 2 Nov. 2020 alle 08:06
279
Immagine di copertina
Giuseppe Conte Credits: ANSA

Chiusure mirate nei territori più a rischio, limitazioni agli spostamenti tra Regioni, chiusura dei centri commerciali nei weekend e riduzione degli orari per le altre attività commerciali e più didattica a distanza nelle scuole. Ecco le misure che sta studiando il governo e che potrebbero essere incluse in un nuovo Dpcm già oggi, lunedì 2 novembre.

Il parere del Cts

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, sarà infatti in Parlamento per un confronto sulle nuove restrizioni. Che potrebbero quindi entrare in vigore già in serata. Il governo accelera sulla lotta al Coronavirus e a una sola settimana dall’ultimo Dpcm pensa già a un intervento più stringente.

Sabato pomeriggio l’esecutivo ha convocato urgentemente il Comitato tecnico scientifico. Gli esperti avrebbero suggerito di procedere con lockdown locali, a livello provinciale o regionale, rendendo più severi alcuni divieti in ambito nazionale. Questa mattina ci sarà una nuova riunione tra governo e Regioni, mentre nel pomeriggio è prevista un nuovo vertice con i capidelegazione, allargata ai ministri più direttamente interessati dalle misure in programma. Sabato l’esecutivo aveva chiesto al Cts di aggiornare le indicazioni sui territori in cui la situazione è più critica e dove sono quindi necessari interventi più stringenti.

Nuovo Dpcm: le anticipazioni

Il Governo accelera quindi sulla stretta per provare ad evitare il lockdown nazionale, e lo fa con “Zone rosse” nelle aree dove l’Rt supera l’1,5 (ma che dovrebbero essere stabilite dai governatori regionali), con il divieto di spostamento tra le Regioni, la chiusura dei centri commerciali nel fine settimana, limitazioni per le altre attività commerciali, coprifuoco anticipato (alle 21 o alle 20).

Da quanto emerso, l’esecutivo non ritiene che ci siano al momento le condizioni per fermare il Paese come a marzo, ne di bloccare intere Regioni. La ricetta, questa volta, è procedere con lockdown locali.

Leggi anche: 1. Covid, in una sola settimana: + 108% dei morti e + 60% in terapia intensiva /2.“In 11 regioni rischio elevato. Tutte in difficoltà, tranne una”: il monitoraggio dell’Iss /3. Calabria, sindaco chiude la scuola ma non c’è nessun contagio: “Tutela psicofisica dei bambini”

4. Covid-19, in Rete aumenta la paura: solo l’8,8% degli italiani ha un sentimento positivo per Conte. L’analisi di Identità Digitale / 5. Il virologo Silvestri: “Niente panico né lockdown, la cavalleria degli anticorpi sta arrivando” /6. L’inganno dei tamponi: 5 milioni di euro al giorno per 200mila test, c’è a chi conviene tutto questo. Intervista a Crisanti (di L. Telese)

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

279
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.