Covid ultime 24h
casi +29.003
deceduti +822
tamponi +232.711
terapie intensive -2

Covid, in una sola settimana: + 108% dei morti e + 60% in terapia intensiva

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 30 Ott. 2020 alle 13:14
54
Immagine di copertina

Il dati dei nuovi casi, dei ricoveri in terapia intensiva e del numero dei morti relativi all’ultima settimana (21-27 ottobre) evidenziano come l’epidemia sia ormai fuori controllo. A preoccupare, in particolar modo, è l’aumento esponenziale del numero dei morti: più che raddoppiati (995 vs 459).

I dati vengono diffusi grazie al monitoraggio indipendente della Fondazione GIMBE che conferma nella settimana 21-27 ottobre, rispetto alla precedente, l’incremento esponenziale nel trend dei nuovi casi (130.329 vs 68.982).

“I dati dell’ultima settimana – afferma Nino Cartabellotta, Presidente della Fondazione GIMBE – documentano il crollo definitivo dell’argine territoriale del testing & tracing, confermano un incremento di oltre il 60% dei pazienti ricoverati con sintomi e in terapia intensiva e fanno registrare un raddoppio dei decessi. In alcune aree del Paese non è più procrastinabile il lockdown totale per arginare il contagio diffuso e ridurre la pressione sugli ospedali”.

Decessi: 955 (+108,1%)
Terapia intensiva: +541 (+62,2%)
Ricoverati con sintomi: +5.501 (+65,1%)
Nuovi casi: 130.329 (+88,9%)
Casi attualmente positivi: +112.351 (+78,7%)
Casi testati +91.641 (+14,5%)
Tamponi totali: +147.423 (+14,4%)

Il caso Milano

A Milano il totale dei decessi è arrivato a quota 17.310, ben 340 solo nell’ultimo mese. Cresce in modo significativo anche il grado di saturazione delle terapie intensive, dove sono entrati in 24 ore ben 29 pazienti in più, record mensile, toccato anche sabato, per un totale di 271 ricoverati. A inizio mese scattarono le prime contromisure e si riaprirono i letti di Rianimazione chiusi nell’estate. Polverizzata in breve tempo la “soglia d’allarme“ dei 150 posti occupati. Ma si riempiono anche i reparti ordinari: 2.715 i ricoverati. Il 1° ottobre erano (solo) 298. Ieri se ne sono aggiunti quasi altrettanti: 256 in tutte le province.

L’insufficienza delle misure introdotte dal Dpcm

L’impatto dell’introduzione di differenti misure di contenimento sul valore di Rt è oggetto di un recente studio – pubblicato su Lancet Infectious Diseases da ricercatori dell’Università di Edimburgo – che ha analizzato dati da 131 Paesi. “In relazione ai risultati ottenuti dall’introduzione di ciascuna misura di contenimento – spiega Renata Gili, responsabile della Ricerca sui Servizi Sanitari della Fondazione GIMBE – è stata stimata l’efficacia sul valore di Rt di quattro possibili gruppi di interventi a 7, 14 e 28 giorni. Se da un lato gli effetti dipendono dal numero e dalla tipologia di restrizioni, dall’altro non sono affatto immediati. Infatti, per dimezzare il valore di Rt servono 28 giorni di lockdown totale, tempi che in Italia potrebbero dilatarsi ulteriormente per il ritardo sempre maggiore nella notifica dei casi”.

Leggi anche: 1. Esclusivo TPI: “Che me ne fotte, io gli facevo il tampone già usato e gli dicevo… è negativo guagliò”. La truffa dei test falsi che ha fatto circolare migliaia di positivi in Campania / 2. Truffa tamponi falsi in Campania, Sileri a TPI: “Questi sciacalli vanno puniti per procurata epidemia” / 3. Covid, il piano del Governo: lockdown o coprifuoco alle 21 se i contagi non calano in 7 giorni

4. In Italia servono medici specialisti, ma la graduatoria è bloccata: “Ritardo grava su ospedali” / 5. Roma, Pronto Soccorso bloccati dal virus: “Qui la situazione è già esplosa. Chiuderemo gli ospedali, sarà tutto Covid” / 6. Galli a TPI: “A Milano la situazione è sfuggita di mano. Coprifuoco? Ormai è tardi”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

54
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.