Covid ultime 24h
casi +24.099
deceduti +814
tamponi +212.714
terapie intensive -30

Covid, il piano del Governo: lockdown o coprifuoco alle 21 se i contagi non calano in 7 giorni

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 23 Ott. 2020 alle 08:33
456
Immagine di copertina

Covid, lockdown o coprifuoco alle 21 se contagi non calano in 7 giorni

Il Governo pensa già oltre l’ultimo Dpcm emanato per far fronte alla risalita dei contagi da Covid in Italia e, se le cose nei prossimi giorni non dovessero migliorare, è pronto a un’ulteriore stretta. L’esecutivo si è dato una deadline di una settimana: se entro 7 giorni nuovi casi e pazienti deceduti continuassero a crescere – dimostrando l’inefficacia (o almeno la tardività) degli ultimi provvedimenti – il premier Giuseppe Conte dovrà fare un passo in più. In che direzione? Al momento, le alternative sono due: una più cauta (e quindi preferita dal presidente del Consiglio) e una più drastica. Nel primo caso, infatti, si potrebbe prevedere un coprifuoco esteso a tutta Italia già a partire dalle 21. Nel secondo caso, si realizzerebbe lo spauracchio lockdown generalizzato, con possibilità di uscire da casa soltanto per andare a scuola o al lavoro, dunque limitando al massimo le “attività non essenziali”.

La decisione sarà presa in base al monitoraggio della curva epidemiologica e al numero di terapie intensive occupate. Sono questi, i numeri del Covid in Italia, i parametri che verranno utilizzati per stabilire la forza dei nuovi provvedimenti. In seno al Governo intanto convivono due anime: quella del premier, contrario a un lockdown nazionale, e quella del ministro della Salute Roberto Speranza, che spinge invece per una chiusura anche breve, di due settimane, per dare respiro al sistema sanitario nazionale.

Nel frattempo, per oggi è previsto un incontro Stato-Regioni per concordare eventuali nuove chiusure. Si lavora anche all’elenco delle attività “non essenziali”, quelle dunque che potrebbero essere fermate se i contagi non tornassero a calare. Altri punti all’ordine del giorno, per l’esecutivo, sono il potenziamento delle attività ospedaliere territoriali e degli strumenti a disposizione dei medici di base, la stesura dell’accordo per la somministrazione dei test rapidi anche da parte dei medici di base e nelle farmacie, il rinforzamento del contact tracing. E, ovviamente, l’assunzione di nuovi operatori che effettueranno test e tamponi e informeranno gli italiani sulle procedure.

Leggi anche: 1. In Italia servono medici specialisti, ma la graduatoria è bloccata: “Ritardo grava su ospedali” / 2. Covid, 16.079 nuovi casi e 136 morti: il bollettino del 22 ottobre / 3. Mancata zona rossa Alzano e Nembro, acquisizioni della Finanza in Regione Lombardia

4. Covid, torna l’incubo nelle Rsa: al Pio Albergo Trivulzio di Milano positivi 14 ospiti e 5 dipendenti. “Sospesi ricoveri in alcuni reparti” / 5. L’autogol di Mancini, che pubblica una vignetta negazionista sul Covid / 6. Roma, Pronto Soccorso bloccati dal virus: “Qui la situazione è già esplosa. Chiuderemo gli ospedali, sarà tutto Covid”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

456
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.