Covid ultime 24h
casi +31.758
deceduti +297
tamponi +215.886
terapie intensive +97

Zingaretti allontana l’ingresso nel governo: “Avverto già il peso e la fatica di ricoprire ruolo di segretario Pd e di governatore del Lazio”

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 6 Ott. 2020 alle 16:13 Aggiornato il 6 Ott. 2020 alle 17:28
126
Immagine di copertina

“In questi mesi ho onorato un doppio impegno, quello di presidente della Regione Lazio e di leader nazionale e oggi avverto un po’ il peso e la fatica di un doppio ruolo, soprattutto nel momento del Covid, che richiederà una presenza costante. L’impegno di leader nella fase che abbiamo davanti sarà importante, ricca di discussione politica, di sostegno al governo, di rigore, ma troveremo una risposta anche a questa situazione che è faticosa, molto pesante e a cui io credo molto. Per questo ho fatto davvero di tutto per onorare questo doppio ruolo. Nelle prossime settimane vedremo e discuteremo su come andare avanti”. Così il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, al termine della presentazione, a Roma, del V Rapporto Mafie nel Lazio.

Fonti vicine allo stesso Zingaretti hanno successivamente precisato a TPI il senso dell’affermazione. Il leader dem non ha detto testualmente che è stanco di essere sia il segretario del Pd che il presidente della Regione Lazio, bensì – rispondendo alla domanda se ora volesse fare anche il ministro – ha spiegato che già è stancante essere governatore e segretario Pd, figurarsi essere anche ministro.

Leggi anche: Zingaretti risponde alle Sardine su TPI: “Caro Santori, ti scrivo”

126
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.