Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:21
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

M5S, il sospetto di Conte: c’è Di Maio dietro gli attacchi di Beppe Grillo?

Immagine di copertina
Giuseppe Conte, Beppe Grillo e Luigi Di Maio

La notizia del giorno è che Beppe Grillo, intorno alle 11 di questa mattina, ha lasciato Roma con tanti cari saluti a chi sperava in un immediato incontro chiarificatore con Giuseppe Conte. L’altra è che, tra il garante M5S e l’ex premier (leader pentastellato in pectore), è spuntato Di Maio.

Già l’altra sera, ascoltandolo in televisione fare elogi sperticati a Beppe Grillo – “È stato uno dei più grandi innovatori, quello che ci portava fuori dalle confort-zone, uno che ci dice le cose che succederanno tra 10 anni”, aveva detto il ministro degli Esteri, intervistato sul Nove, parlando del fondatore M5S – i contiani di più stretta osservanza si erano fatti piuttosto sospettosi: “Parla da capo”.

Poi, ieri, dopo l’intemerata di Grillo contro Conte e la presenza “de visu” di Di Maio pronto a battere le mani i sospetti si sono fatti quasi certezza: vuoi vedere che si sta puntando alla “rottura” per rimettere il Movimento nelle mani di “Giggino”?

D’altra parte, a differenza di “Giuseppi” – due volte presidente Consiglio sotto il segno dell’America trumpiana (ma evitate di parlarne con Draghi…) -, Di Maio non avrebbe certo problemi a sottostare ai diktat dell’Elevato, spiega un parlamentare 5Stelle.

“Tra i due non ci sarebbero problemi di sorta e in più Grillo avrebbe il totale controllo dei gruppi parlamentari perché Giggino è l’unico che ancora ascoltano”.

Ora per Conte la strada si fa dura: o molla tutto sbattendo la porta e tenta l’avvenuta in solitaria oppure accetta di essere un segretario a sovranità limitata, commissariato sin dal primo giorno dal comico genovese.

I contiani sono rimasti a dir poco spiazzati dagli attacchi di Grillo: “Ha avuto da ridire persino sui selfie”, spiegano. Per molti si tratta di quello postato da Conte all’Olimpico in occasione di Italia-Galles.

“Io la so fare la comunicazione”, il ragionamento di Grillo. “Ma mi spiegate che senso hanno le foto allo stadio o mentre mangiate la pizza? È roba vecchia, alla gente non gliene frega un c…”. Conte colpito e affondato. O, per dirla in gergo calcistico, tre a zero per il garante. Palla al centro.

Ti potrebbe interessare
Politica / Segreti di Stato: il buco nero della direttiva Draghi sui dossier Nato
Politica / D’Alema a TPI: “Nel pensiero di Berlinguer la sinistra può trovare le risposte ai problemi di oggi”
Politica / Facciamo eleggere: la campagna per le amministrative del Forum Disuguaglianze e Diversità. “Sosteniamo chi si batte per giustizia sociale e ambientale”
Ti potrebbe interessare
Politica / Segreti di Stato: il buco nero della direttiva Draghi sui dossier Nato
Politica / D’Alema a TPI: “Nel pensiero di Berlinguer la sinistra può trovare le risposte ai problemi di oggi”
Politica / Facciamo eleggere: la campagna per le amministrative del Forum Disuguaglianze e Diversità. “Sosteniamo chi si batte per giustizia sociale e ambientale”
Politica / Draghi convoca il Cdm d’urgenza e lancia l’ultimatum ai partiti: o votate le riforme o niente Pnrr
Politica / Commissione Esteri, Meloni a Conte: “Se sei serio ritira di Maio”. “Sei all’opposizione o voti con Renzi?”
Politica / Ddl Zan, i dem rilanciano la legge: “Disposti a modifiche, ma sull’identità di genere non si tratta”
Politica / Conte: “M5S sconfitto in Senato, registriamo che c’è una nuova maggioranza da FdI a Iv”
Politica / Stefania Craxi eletta presidente della Commissione Esteri del Senato al posto di Petrocelli
Politica / Matteo Renzi: “I magistrati hanno interrotto il cammino di crescita di Italia Viva”
Politica / Giornata contro l’omofobia, Mattarella: "Rispetto e uguaglianza sono principi non derogabili"