Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:36
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Enrico Letta: “Voglio due donne capigruppo Pd per Camera e Senato”

Immagine di copertina
Enrico Letta. Credits: ANSA/RICCARDO ANTIMIANI

Pd, Enrico Letta vuole due donne capigruppo per Camera e Senato

“Noi del Partito Democratico abbiamo un problema”, diceva Enrico Letta davanti all’Assemblea Nazionale dem nel giorno della sua elezione come nuovo segretario riferendosi alla scarsa presenza di donne ai vertici del partito. Problema che il nuovo leader si è impegnato a superare. E così, dopo aver nominato 8 uomini e 8 donne nella nuova segreteria, in un’intervista al Tirreno Letta propone anche due donne alla guida dei gruppi parlamentari del Pd di Camera e Senato.

Non posso immaginare – spiega – che nel nostro partito ci siano solo volti maschili al vertice. Non possiamo essere quelli con uomini al comando e donne vice, quando va bene. Servono leadership mischiate, specie adesso che in Europa ci sono Angela Merkel, Ursula Von der Leyen e Christine Lagarde. Per me questo è un passaggio chiave”.

Letta tiene a precisare che non c’è nessuna critica nei confronti degli attuali capigruppo Graziano Delrio e Andrea Marcucci: “Sono tra le figure di maggior rilievo che abbiamo, hanno lavorato benissimo e potranno tornare utilissimi in altri ruoli. Siamo intorno alla metà della legislatura ed è giusto lasciare spazio a due donne”. Letta non sceglierà i nomi delle due donne. “Assolutamente no – chiarisce -. Ai gruppi suggerisco che votino e scelgano senza drammi. Non le indico io le capogruppo, le scelgano”.

Enrico Letta non sceglierà i nomi delle due donne. “Assolutamente no – chiarisce -. Ai gruppi suggerisco che votino e scelgano senza drammi. Non le indico io le capogruppo, le scelgano”.

Nell’intervista al Tirreno, a proposito del cambio dei due capigruppo del Pd di Camera e Senato, Letta ha aggiunto: “Questa settimana i gruppi ne discuteranno. Quando sono arrivato ho detto che c’è un problema enorme di presenza femminile nel nostro partito: tre ministri sono uomini, io sono un uomo. Penso che per forza di cose due capogruppo debbano essere due donne”.

Il segretario dem ribadisce la sua attenzione verso i giovani: “Il mio partito vuole parlare giovane. Anche il mio staff sarà formato da quattro studenti universitari che mi porto dietro dalla scuola parigina, sono cresciuti con me e io con loro”. “Torno – ha detto ancora Letta – con una grande voglia di politica, con un discorso di politica a tutto tondo in linea con quanto Nicola Zingaretti ha fatto finora”. Infine Draghi “è stato bravissimo nel limitare al massimo le richieste della Lega in fatto di condoni”.

Leggi anche: 1. Letta, cominciamo a parlare la lingua dei lavoratori: diritti e salari dignitosi (di N. Urbinati); // 2. Il Segretario ZingaLetta (di G. Gambino); // 3. Le due vite di Enrico Letta (di R. Bertoni)

Ti potrebbe interessare
Politica / Il sondaggio che fa tremare il Pd: centrodestra avanti di 15 punti
Politica / Si chiude il deposito dei simboli al Viminale. Ecco perché non finiranno tutti sulla scheda
Economia / Salario minimo, RdC, cashback, stop definitivo all’Irap: cosa prevede il programma del M5S
Ti potrebbe interessare
Politica / Il sondaggio che fa tremare il Pd: centrodestra avanti di 15 punti
Politica / Si chiude il deposito dei simboli al Viminale. Ecco perché non finiranno tutti sulla scheda
Economia / Salario minimo, RdC, cashback, stop definitivo all’Irap: cosa prevede il programma del M5S
Politica / Marco Cappato annuncia: “Raccoglieremo le firme per la nostra lista solo in forma digitale”
Politica / Elezioni, la lista Italia Sovrana e Popolare a TPI: “Il nostro nemico è Draghi. Non ci sentiamo nani vicino a Biancaneve”
Politica / Giorgia Meloni non rinuncia alla fiamma tricolore: “Ne andiamo fieri, non ha a che fare con il fascismo”
Politica / Gina Lollobrigida candidata al Senato a 95 anni per la lista Italia Sovrana e Popolare
Politica / Matrimonio egualitario, ius scholae, fine vita: cosa prevede il programma del Pd
Opinioni / Letta ha chiuso ai 5S perché temeva la figura di Conte (di M. Tarantino)
Opinioni / Quel Movimento, per come lo abbiamo conosciuto, non esiste più (di M. Contigiani)