Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:42
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Caso Gregoretti, Salvini: “Al processo mi dichiarerò colpevole di amare il mio Paese e i miei figli”

Immagine di copertina

La prima udienza del processo a Matteo Salvini per il caso Gregoretti è fissata per il 3 ottobre presso il Tribunale di Catania. In diverse occasioni il leader leghista ha fatto sapere di essere pronto ad affrontare i giudici e di non essersi pentito delle decisioni prese.

Idee ribadite anche durante un comizio elettorale tenutosi in quel di Pisa, in vista delle regionali: “Fra quindici giorni al processo di Catania, quando mi chiederanno se mi dichiaro colpevole o innocente di aver bloccato lo sbarco di 131 immigrati in attesa che l’Europa si svegliasse, mi dichiarerò colpevole. Nel nome del popolo italiano mi dichiarerò orgogliosamente colpevole di amare il mio Paese e di amare i miei e i nostri figli”, ha detto Salvini che ha poi aggiunto: “Andrò a processo non per rispondere dell’accusa di omicidio ma di sequestro di persona. E mi dichiarerò colpevole di aver aiutato il mio popolo che mi ha eletto per difendere la mia nazione”.

Il reato contestato al leader del Carroccio per il caso Gregoretti è quello di “sequestro di persona” relativamente ai fatti di luglio 2018 quando, in qualità di ministro dell’Interno, impedì lo sbarco di 116 persone tratte in salvo nel Mediterraneo centrale dalla nave della Marina militare Gregoretti per tre giorni.

La norma dietro tutto questo è la legge Severino del 2012, che prevede una condizione imprescindibile per candidarsi: avere una fedina penale pulita, senza condanne che superino i due anni di pena. Qualora la condanna avvenga durante una carica, la decadenza è immediata. Un esempio dell’applicazione di questa legge? 2013, quando Berlusconi fu condannato per il caso Mediaset e fu costretto a lasciare la carica di Senatore.

Leggi anche: 1. Caso Gregoretti-Salvini, cosa succede adesso dopo il voto della Giunta delle immunità del Senato 2. Caso Gregoretti, Salvini: “Chiederò ai senatori della Lega di mandarmi a processo” 3. Salvini organizza un convegno sull’antisemitismo e invita Liliana Segre. Lei risponde: “Grazie ma sono impegnatissima” 4. La strana battaglia di Salvini all’antisemitismo: difende Israele ma boccia la Commissione Segre

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Tragedia Ischia, il governo si contraddice: Salvini annuncia 8 vittime, Piantedosi e il prefetto lo smentiscono
Politica / Soumahoro, Fratoianni: “Ombre su Aboubakar da chiarire, ma non mi pento”
Politica / Renzi: “Noi con la maggioranza? Io come Jep Gambardella sono quello che i governi li fa fallire”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Tragedia Ischia, il governo si contraddice: Salvini annuncia 8 vittime, Piantedosi e il prefetto lo smentiscono
Politica / Soumahoro, Fratoianni: “Ombre su Aboubakar da chiarire, ma non mi pento”
Politica / Renzi: “Noi con la maggioranza? Io come Jep Gambardella sono quello che i governi li fa fallire”
Cronaca / Caso Soumahoro, l’operatrice della coop dei familiari: “Senza stipendio da quasi due anni, aspetto 20 mila euro”
Politica / Calenda: “Meloni ci ascolta perché è matura, il Pd no. Siamo noi il centro riformista”
Politica / Soumahoro sulle borse griffate della moglie: "C'è diritto all'eleganza"
Politica / “La violenza sulle donne è una violazione dei diritti umani”: il discorso di Mattarella
Politica / Gaffe di Pichetto Fratin a Bruxelles: non capisce la domanda in inglese e pensa siano “complimenti” | VIDEO
Politica / Soumahoro in tv sulla coop Karibu: “Ho commesso una leggerezza, dovevo fare meno viaggi”
Politica / “Era un termine inadeguato”: Valditara si scusa per le parole sull’umiliazione come “fattore di crescita”