Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Giustizia, Dadone: “Valutare con Conte l’ipotesi di dimissioni dal governo dei ministri M5S”

Immagine di copertina
Fabiana Dadone, ministra delle Politiche giovanili. Credit: ANSA

La ministra delle Politiche giovanili, Fabiana Dadone, non esclude la possibilità che i ministri M5S rassegnino le loro dimissioni dal governo in disaccordo con la riforma della Giustizia elaborata dalla ministra Cartabia. “È una cosa da valutare insieme a Giuseppe Conte”, ha dichiarato Dadone durante il programma tv Agorà Estate, in onda su RaiTre, oggi venerdì 23 luglio 2021.

E alla domanda sull’eventualità che il Movimento 5 Stelle possa far venire meno l’appoggio al Governo Draghi, la ministra ha risposto: “Dipende quale sarà l’apertura sulle modifiche tecniche (alla riforma Cartabia, ndr). L’obiettivo di tutti non è certo garantire le impunità in certi casi, ma velocizzare i processi. La tematica della prescrizione così come impostata non credo raggiunga l’obiettivo. Ci aspettiamo una discussione costruttiva, vedremo le decisioni da prendere”.

Dadone parla dell’ipotesi dimissioni dei ministri M5S all’indomani della conferenza stampa in cui il premier Mario Draghi ha annunciato che sull’approvazione della riforma della Giustizia il Governo porrà la questione di fiducia in Parlamento.

Draghi ha ricordato che il testo della riforma è stato approvato in Consiglio dei ministri all’unanimità, e quindi anche con i voti dei ministri Cinque Stelle (che – secondo indiscrezioni – avrebbe ricevuto l’ordine di votare a favore dal garante del Movimento, Beppe Grillo). “Siamo aperti a miglioramenti di carattere tecnico”, ha spiegato il premier, che ieri, prima della conferenza stampa, avrebbe avuto un colloquio telefonico con Giuseppe Conte, leader in pectore del M5S e fortemente critico rispetto alla riforma (che ha di fatto azzoppato quella varata proprio sotto il Governo Conte bis.

Con l’autorizzazione a porre la questione di fiducia, secondo Dadone, “è stato posto l’accento rispetto al fatto che c’è comunque un’apertura, sia da parte del presidente Draghi che della ministra Cartabia, perché si sono resi conto che la riforma così come presentata rischia di avere delle fasce di impunità”.

“Il Parlamento è giusto che presenti gli emendamenti, e la nostra forza, il M5S, che è sensibilissima sul tema della prescrizione ne ha preparati oltre 900”, avverte la ministra delle Politiche giovanili. “Ci aspettiamo in questa settimana una discussione costruttiva in termini di miglioramenti, poi vedremo le decisioni da prendersi”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Il messaggio in codice di Prodi a Mattarella: “Un incarico settennale a 82 anni è un’incoscienza”
Politica / Lega, la crisi interna arriva su Whatsapp: “Decide tutto Draghi, meglio la scissione”
Politica / Draghi: “Emergenza climatica come la pandemia, agire subito o sarà troppo tardi”
Ti potrebbe interessare
Politica / Il messaggio in codice di Prodi a Mattarella: “Un incarico settennale a 82 anni è un’incoscienza”
Politica / Lega, la crisi interna arriva su Whatsapp: “Decide tutto Draghi, meglio la scissione”
Politica / Draghi: “Emergenza climatica come la pandemia, agire subito o sarà troppo tardi”
Politica / Perché la Cultura sarà importante per il prossimo sindaco di Roma
Politica / Prodi a Letta: “I diritti non bastano, il Pd faccia più proposte forti”
Politica / Green Pass, Letta: “Salvini su questi temi è irrilevante nel Governo, nemmeno la Lega lo segue”
Politica / Don Matteo della Mancia: Salvini ha scambiato i social per la realtà e si è perso per strada la Lega
Politica / Il candidato di centrodestra Bernardo agli alleati: "Datemi i soldi della campagna elettorale o mi ritiro"
Politica / Vittorio Feltri: “Il centrodestra è una coalizione del ca**o. A Milano vincerà Sala”
Politica / Caos Lega: ora Salvini sta scontentando tutti. L’ala “no green pass” è sul piede di guerra