Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Retroscena TPI – Roma, Pd in pressing su Zingaretti: “Ma lui teme lo sgambetto in Regione del M5S”

Immagine di copertina
Credit: ANSA

Pd, a che punto è la notte? Ma soprattutto, che ne sarà dell’alleanza con i Cinque Stelle? Anche oggi spuntano retroscena a gogò sulla candidatura di Zingaretti al Campidoglio. Addirittura alcuni giornali parlano di sabato come giornata del grande annuncio. In Regione smentiscono.

“L’unica cosa che farà Zingaretti sabato sarà vaccinarsi. Con Astrazeneca”, ridono i suoi. Ma com’è effettivamente la situazione? Lo abbiamo chiesto ad un parlamentare molto vicino all’ex segretario del Pd e che conosce perfettamente la vicenda.

“Nicola – spiega – da un mese ha posto una questione politica molto importante. Vuole rimanere in Regione, non ha ambizioni di nessun tipo se non far uscire la sua comunità dall’emergenza Covid. Ma il pressing, visti i sondaggi che lo danno ampiamente vincente, è molto forte. Così ha fatto sapere che potrebbe anche pensarci, ma pone un problema politico grosso come una casa: chi garantisce che i Cinque Stelle, un minuto dopo il suo annuncio, non rompano e facciano cadere la giunta in Regione? A quel punto si creerebbe un casino terribile, si voterebbe insieme per Regione e Comune in un clima pessimo fra M5S e Pd. Si perderebbe quasi sicuramente la Regione e si potrebbe compromettere anche la vicenda Campidoglio. Un vero capolavoro…”.

E quindi? “E quindi nulla. Dal nazionale stanno vedendo di risolvere la vicenda, ma pesa pure l’attuale momento dei Cinque Stelle, che sono senza un capo ufficiale. È una trattativa molto difficile, che infatti va aventi da un mese, sulla quale non faccio previsioni. Ma farla semplice mi pare una forzatura giornalistica”. Intanto il tempo stringe. E a Roma – ma per la verità in quasi tutta Italia – manca ancora il candidato del Pd.

Leggi anche: Il Recovery di Draghi dimentica Roma: spariti i 10 miliardi promessi da Conte per metro e ferrovie (rimangono 500 milioni)

Tutte le notizie sulle elezioni comunali di Roma
Ti potrebbe interessare
Politica / “Draghi al Colle? Sarebbe una forzatura istituzionale, ecco perché”: parola di costituzionalista
Politica / I gesti di Mattarella: due illustrazioni per celebrare il settennato del Presidente
Politica / Così Draghi “il migliore” ha gettato il Paese nel caos tentando di “scappare” al Quirinale
Ti potrebbe interessare
Politica / “Draghi al Colle? Sarebbe una forzatura istituzionale, ecco perché”: parola di costituzionalista
Politica / I gesti di Mattarella: due illustrazioni per celebrare il settennato del Presidente
Politica / Così Draghi “il migliore” ha gettato il Paese nel caos tentando di “scappare” al Quirinale
Politica / Chi è Nino Di Matteo, il più votato al quarto scrutinio dopo Sergio Mattarella
Politica / Sabino Cassese nega di conoscere Salvini: “Quirinale? Perché escluderlo?”
Politica / Maddalena a TPI: “I voti per me sono un appello alla Costituzione, il neoliberismo è un danno per il Paese”
Cronaca / Quirinale, Casini, Draghi e Belloni in pole. Letta: “Non ci sarà un presidente di destra”
Politica / Chi è Sabino Cassese, il possibile candidato a sorpresa per il Quirinale
Politica / Quirinale, nuova fumata nera: Mattarella il più votato. Salvini: "Conto di chiudere domani". Torna l'ipotesi Frattini. Tajani incontra Draghi, Renzi: "Non siamo a X Factor"
Politica / RETROSCENA TPI – Berlusconi sente Salvini e Casini: svolta sul Quirinale vicina