Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 16:52
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Elezioni Regionali Umbria 2019, cosa serve per votare e come si rinnova la tessera elettorale

Immagine di copertina
Immagine: frame da video YouTube

I documenti da portare al seggio

Elezioni Regionali Umbria 2019, cosa serve per votare

Cosa serve per votare alle Elezioni Regionali in Umbria 2019? Qui tutte elenchiamo tutte le informazioni sui documenti, dalla carta d’identità alla tessera elettorale, da portare al seggio per esercitare il proprio diritto di voto domenica 27 ottobre.

La nostra diretta live delle elezioni in Umbria

Alle urne per eleggere il nuovo presidente della Giunta regionale e 20 consiglieri regionali (qui i candidati e le liste) sono chiamati 703.595 elettori umbri: 340.210 uomini e 363.385 donne. I consiglieri formeranno l’Assemblea legislativa regionale della undicesima legislatura, nel periodo 2019-2024, in base alla legge elettorale regionale.

I documenti per votare

Per votare (qui la guida al voto) è necessario avere con sé la tessera elettorale e un documento di identità valido, come la carta d’identità. In caso di smarrimento della tessera elettorale bisogna recarsi presso l’ufficio preposto del comune di residenza per il rilascio di un duplicato. Sulla tessera elettorale è indicato il numero di seggio dove votare e il suo indirizzo. Nei seggi gli elettori ricevono una sola scheda dove sono indicati i candidati alla Presidenza della Giunta Regionale e di fianco le varie liste regionali collegate al presidente.

La carta d’identità è ovviamente il documento di riconoscimento più diffuso e utilizzato, ma certamente non l’unico. Sono precisamente tre le categorie di documenti che è possibile presentare al seggio:

  • la carta d’identità o altro documento d’identificazione munito di fotografia, rilasciato dalla pubblica amministrazione, anche se scaduto, purché da non oltre tre anni;
  • la tessera di riconoscimento rilasciata dall’Unione nazionale ufficiali in congedo d’Italia, purché munita di fotografia e convalidata da un comando militare;
  • la tessera di riconoscimento rilasciata da un ordine professionale, purché munita di fotografia.

L’elenco dei documenti rilasciati dalla pubblica amministrazione è lungo. Ne fanno parte anche la patente di guida, la patente nautica, il passaporto, il libretto di pensione, il porto d’armi.

Ecco da YouTube un video dell’Assemblea legislativa regionale umbra che spiega quando e come si vota:

L’identificazione al seggio

Le informazioni dettagliate sui documenti da presentare al seggio sono elencate nella pubblicazione del Ministero dell’Interno per le operazioni degli uffici elettorali di sezione e indicano anche la possibilità di riconoscimento, in mancanza di un documento ideoneo, per attestazione di uno dei componenti dei seggi che conosca personalmente l’elettore o per attestazione di un altro elettore del Comune.

In caso di identificazione di un altro elettore del comune, quest’ultimo elettore “deve essere personalmente conosciuto da uno dei componenti del seggio o deve essere stato ammesso a votare in base a un regolare documento di identificazione rilasciato da una pubblica amministrazione”.

L’identificazione di un componente del seggio o di un altro elettore avviene con la firma di colui che identifica. E il presidente del seggio deve avvertire l’elettore che viene identificato che, se afferma il falso, sarà punito con le pene stabilite dalla legge.

Come si rinnova la tessera elettorale

La tessera elettorale è il documento ufficiale con il quale i cittadini italiani possono esercitare il loto diritto al voto. È valida per 18 consultazioni e viene rilasciata dall’ufficio elettorale del comune di residenza, cioè del comune nelle cui liste elettorali l’elettore risulta iscritto. Chi non è in possesso può ritirarla presentandosi all’ufficio elettorale del proprio comune munito di documento di identità in corso di validità.

Come si rinnova? Di solito per ottenere un duplicato della tessera elettorale gli uffici comunali restano aperti tutta la giornata nei giorni a ridosso delle elezioni ed anche nel giorno della votazione, per tutta la durata delle operazioni di voto.

La sede e l’ufficio elettorale della Regione aperti

In occasione dello scrutinio delle Elezioni Regionali Umbria 2019 la sede della Regione di Palazzo Cesaroni a Perugia resterà aperta a giornalisti, politici e cittadini dalle ore 23 di domenica 27 ottobre fino alle ore 20 di lunedì 28 ottobre.

L’ufficio elettorale della Regione intanto sarà operativo nella sede di Palazzo Donini per tutta la durata delle operazioni elettorali, dall’insediamento dei seggi sabato 26 ottobre, dalle ore 16, e domenica 27 ottobre, dalle ore 7 fino alla conclusione dello scrutinio.

Ti potrebbe interessare
Politica / Letta risponde a Salvini: “Se dice no a riforme, esca dal governo”
Politica / Speranza: "C'è chi lavora a un governo Meloni-Salvini"
Politica / Salvini rilancia la candidatura di Draghi al Quirinale
Ti potrebbe interessare
Politica / Letta risponde a Salvini: “Se dice no a riforme, esca dal governo”
Politica / Speranza: "C'è chi lavora a un governo Meloni-Salvini"
Politica / Salvini rilancia la candidatura di Draghi al Quirinale
Opinioni / Quando una biografia cede il passo alla mistificazione della realtà (di E. Franchin)
Opinioni / Il centrodestra sogna il Corriere della Sera: ecco cosa c’è dietro l’operazione Sallusti-Libero
Politica / “Berlusconi sta bene”: smentite le voci sulla morte del leader di Forza Italia
Politica / Letta: “L’Ue fermi Israele, questa non è legittima difesa”
Politica / Il Copasir chiede a Draghi un’indagine sull’incontro tra Renzi e Mancini all’Autogrill
Opinioni / L'ipocrisia degli antipopulisti che ora incensano il Draghi "premier gratis" (di G. Cavalli)
Politica / Caso Gregoretti, non luogo a procedere per Salvini: “Il fatto non sussiste”. L’ex ministro: “Tornassi al Governo lo rifarei”