Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 08:26
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Elezioni regionali 2019: Umbria, Calabria ed Emilia Romagna al voto nei prossimi mesi

Immagine di copertina

Elezioni regionali 2019: Umbria, Calabria ed Emilia Romagna al voto nei prossimi mesi

Umbria, Calabria ed Emilia Romagna saranno impegnate nei prossimi mesi con le elezioni regionali 2019. I cittadini delle tre regioni italiane saranno chiamati alle urne tra ottobre 2019 e gennaio 2020. L’Umbria ha già fissato la data del 27 ottobre, mentre per Calabria ed Emilia Romagna non si ha ancora una data certa.

Tutte e tre le regioni chiamate al voto escono da una amministrazione regionale di centro-sinistra. Si tratterà di un banco di prova di fondamentale importanza per l’alleanza di governo Pd ed M5s e per testare il consenso effettivo della Lega, uscita vittoriosa dalle elezioni europee del 26 maggio 2019, e in forte calo nei sondaggi dopo la crisi di governo.

Elezioni regionali 2019 Umbria

La prima regione di quelle rimaste a votare alle regionali 2019 è l’Umbria, che andrà alle urne il 27 ottobre 2019. L’amministrazione regionale in Umbria, guidata dalla governatrice Catiuscia Marini, si era dimessa lo scorso 16 aprile 2019. Marini è indagata nell’inchiesta della procura di Perugia su alcuni concorsi per assunzioni che si sospetta siano stati pilotati all’ospedale del capoluogo umbro. La regione andrà quindi a elezioni anticipate.

L’unica candidata nota al momento è Donatella Tesei, della Lega, sostenuta dalla coalizione di centro destra.

Il Pd e il M5s, ora alleati di governo, potrebbero decidere di correre insieme alle elezioni regionali in Umbria 2019, come anticipato da Dario Franceschini.

Le precedenti elezioni regionali del 2019

Nel corso del 2019 in Italia si sono tenute le elezioni in altre quattro regioni: Abruzzo, Sardegna, Basilicata e Piemonte. In tutte e quattro le regioni la vittoria è andata alla coalizione di centro destra, formata da Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia.

Le elezioni regionali in Abruzzo

Le elezioni regionali in Abruzzo si sono il 10 febbraio 2019. A vincere è stato Marco Marsilio di Fratelli d’Italia, candidato espressione del centro-destra, con il 48,03 per cento dei consensi. Il presidente uscente era Giovanni Lolli, del Partito democratico. Qui tutti i dettagli.

Le regionali in Sardegna

Il 24 febbraio 2019 è stato il turno della Sardegna, dove ha vinto Christian Solinas, candidato di Lega e Partito d’Azione sardo, sostenuto dalla coalizione di centro-destra. Solinas ha vinto con il 47,78 per cento dei consensi. Il governatore uscente era Francesco Pigliaru, del Partito democratico. Qui il riepilogo dei risultati.

Le elezioni in Basilicata

La Basilicata ha votato per le elezioni regionali il 24 marzo 2019. È stato eletto governatore Vito Bardi con il 42,20 per cento dei consensi. Bardi era il candidato di Forza Italia, sostenuto dalla coalizione di centro-destra.

Le elezioni in Piemonte

Il Piemonte è stato chiamato alle elezioni regionali nello stesso giorno delle elezioni europee, il 26 maggio 2019. A vincere è stato Alberto Cirio 49,86, candidato di Forza Italia, sostenuto dalla coalizione di centro destra. Qui i risultati. Sergio Chiamparino, del Partito democratico, era il governatore uscente.

Ti potrebbe interessare
Politica / Soldi guadagnerà più di Foa. E intanto Fuortes parla coi leader dei partiti
Politica / Berlusconi sogna il Quirinale, Meloni teme la congiura: cosa c’è dietro il summit Silvio-Giorgia in Sardegna
Cultura / Quando Pennacchi mi disse: "Io non sono di destra, sono i fascisti che stavano a sinistra" (di C. Sabelli Fioretti)
Ti potrebbe interessare
Politica / Soldi guadagnerà più di Foa. E intanto Fuortes parla coi leader dei partiti
Politica / Berlusconi sogna il Quirinale, Meloni teme la congiura: cosa c’è dietro il summit Silvio-Giorgia in Sardegna
Cultura / Quando Pennacchi mi disse: "Io non sono di destra, sono i fascisti che stavano a sinistra" (di C. Sabelli Fioretti)
Politica / Salvini ha presentato quasi mille emendamenti per fermare il Green Pass
Politica / Draghi non ha cancellato alcun segreto di Stato: ecco perché non vedremo mai i documenti scottanti NATO su Gladio e P2
Politica / La sindrome di Draghi nella Lega: Giorgetti è il leader parallelo che segue Mario
Politica / La Camera approva la riforma del processo penale: 396 sì
Politica / Nasce "Italia Domani", il sito per monitorare opere e costi del Pnrr
Politica / Viminale: elezioni amministrative il 3 e 4 ottobre
Politica / Dal fratello di Maradona al compagno della Carrà: quei vip candidati alle elezioni comunali