Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:38
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Elezioni parlamentari in Danimarca: socialdemocratici favoriti e in testa secondo gli exit poll

Immagine di copertina
Mette Frederiksen, leader dei Socialdemocratici. Credit: AFP

Elezioni parlamentari Danimarca 2019 | Candidati | Partiti | Sondaggi

Elezioni parlamentari Danimarca 2019 – Il 5 giugno 2019 in Danimarca si tengono le elezioni parlamentari: sono oltre 4 milioni i cittadini chiamati a scegliere i propri rappresentanti al Folketing, il Parlamento danese [qui i risultati].

Il voto interno arriva circa due settimane dopo le elezioni europee [come sono andate le europee in Danimarca].

A sfidarsi sono principalmente i partiti di ispirazione liberale che sono al governo, il Partito socialdemocratico, ma c’è attesa anche per il risultato che avrà il Partito del Popolo, schierato su posizioni di estrema destra e anti-immigrati.

Secondo i primi exit poll, alla chiusura dei seggi delle elezioni parlamentari, i socialdemocratici sono in testa con il 25,3 per cento. I liberali del premier uscente Lars Loekke Rasmussen sono al 20,9 per cento. I populisti del Partito del Popolo danese al 9,8 per cento. Il partito ambientalista Alleanza rosso-verde è all’8,8 per cento.

I socialdemocratici, insieme ad altri partiti di sinistra, otterrebbero 90 seggi su 179 in Parlamento: la maggioranza assoluta, che consentirebbe così di formare un governo guidato dalla leader Mette Frederiksen.

Elezioni in Danimarca: i risultati

Elezioni parlamentari Danimarca 2019 | Candidati | Partiti

Ecco quali sono i principali partiti candidati alle elezioni parlamentari della Danimarca:

– Partito liberale (Venstre): partito di governo guidato dal premier in carica, Lars Løkke Rasmussen.

– Alleanza liberale: fa parte della maggioranza di governo e sostiene la necessità di tagli alla spesa pubblica.

– Partito popolare conservatore: partito che fa parte della maggioranza di governo, è guidata dal ministro della Giustizia, Søren Pape Poulsen.

– Partito socialdemocratico: formazione di centrosinistra guidata dalla 41enne Mette Frederiksen.

– Partito popolare socialista: alleanza rosso-verde, mescola valori dell’ambientalismo e della socialdemocrazia.

– Partito del Popolo danese: forza di estrema destra che sostiene il governo in carica, è schierata su posizioni anti-immigrazione.

Elezioni Danimarca | I temi

Elezioni parlamentari Danimarca 2019 – Al centro della campagna elettorale vi sono stati l’immigrazione e il welfare, due argomenti tra loro strettamente correlati e che hanno visto un cambio di paradigma all’interno del partito socialdemocratico.

Frederiksen per guadagnare consensi ha adottato una linea dura in tema di accoglienza, puntando su una visione più restrittiva dell’immigrazione in difesa del welfare danese.

I socialdemocratici hanno anche promesso di aumentare gli investimenti pubblici, in particolare nel settore della sanità e dell’istruzione: a causa dei tagli imposti negli ultimi anni un quarto degli ospedali e un quinto delle scuole hanno chiuso i battenti.

La leader dei Socialdemocratici ha promesso di aumentare la spesa pubblica e di puntare sul welfare.

Elezioni parlamentari Danimarca 2019 |  Sondaggi

Elezioni parlamentari Danimarca 2019 – Il favorito, secondo gli ultimi sondaggi realizzati alla vigilia del voto, sarebbe il Partito socialdemocratico, attualmente all’opposizione, stimato al 59,2 per cento.

I socialdemocratici hanno guadagnato nuovi consensi tra la popolazione rispetto alle elezioni del 2015 grazie alla nuova strategia politica adottata dalla sua leader e che mescola l’attenzione al welfare e alle fasce della popolazione in difficoltà con una linea più dura in tema di immigrazione.

Negative sono invece le previsioni per il il Partito liberale (Venstre), guidato dell’attuale premier Løkke Rasmussen. Il primo ministro ha cercato di recuperare terreno, provando anche a rimandare le elezioni, ma secondo gli analisti non dovrebbe superare il 18 per cento dei consensi.

A registrare un crollo nelle elezioni potrebbe essere anche il Partito popolare danese, dato all’11 per cento, la metà dei voti ricevuti in occasione delle elezioni del 2015.

Grande curiosità circonda il risultato del Partito del Popolo danese, che alle parlamentari di quattro anni fa arrivò secondo con il 21,1 per cento dei voti.

Elezioni parlamentari Danimarca 2019 | Come sono andate le europee

Le recenti elezioni europee in Danimarca sono andate così:

– Partito liberale (Venstre): 23,5 per cento

– Partito socialdemocratico: 21,5 per cento

– Partito popolare socialista: 13,2 per cento

– Partito popolare conservatore: 6,2 per cento

– Partito del Popolo danese: 10,8 per cento

– Alleanza liberale: 2,2 per cento.

Elezioni europee in Danimarca: i risultati

Elezioni parlamentari Danimarca 2019 | Come andò nel 2015

Ecco i risultati delle elezioni parlamentari danesi del 2015:

– Partito socialdemocratico: 26,3 per cento

– Partito del Popolo danese: 21,1 per cento

– Partito liberale (Venstre): 19,5 per cento

– Partito popolare socialista: 7,8 per cento

– Alleanza liberale: 7,5 per cento

– Partito popolare conservatore: 3,4 per cento

Ti potrebbe interessare
Politica / Letta: "Con Draghi il Pd cresce e la Lega perde"
Opinioni / Da Calenda ai renziani: quelli che non vivono senza parlare male del Pd (di G. Cavalli)
Politica / Salvini: "Ho prenotato il vaccino il 28 giugno, ma ho un processo"
Ti potrebbe interessare
Politica / Letta: "Con Draghi il Pd cresce e la Lega perde"
Opinioni / Da Calenda ai renziani: quelli che non vivono senza parlare male del Pd (di G. Cavalli)
Politica / Salvini: "Ho prenotato il vaccino il 28 giugno, ma ho un processo"
Politica / Ora è ufficiale: Augusto Minzolini è il nuovo direttore del Giornale
Politica / Minacce alla libraia che si è rifiutata di vendere la biografia di Giorgia Meloni: ora è sotto protezione
Politica / Toninelli si vaccina e attacca Figliuolo. Critiche sui social
Politica / Torino, flop alle primarie del centrosinistra: meno di 12mila ai gazebo. Vince il dem Stefano Lo Russo
Politica / Il nuovo M5S di Conte: segreteria coi nominati. Doppio mandato: deroga ai "meritevoli"
Esteri / Vertice tra Biden e Draghi al G7: "Europeismo e atlantismo nostri pilastri
Opinioni / L’irritazione di Palazzo Chigi per la visita di Grillo all’ambasciatore cinese: ecco perché Conte ha dato forfait