Covid ultime 24h
casi +10.593
deceduti +541
tamponi +257.034
terapie intensive -49

Elezioni Emilia Romagna, Bonaccini: “Se vinciamo parte la riscossa per l’Italia”

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 29 Dic. 2019 alle 13:40
3.9k
Immagine di copertina
Bonaccini Credit: Ansa

Elezioni Emilia Romagna, Bonaccini: “Se vinciamo parte la riscossa per l’Italia”

“Se vinciamo qui in Emilia-Romagna, da qui parte una riscossa per l’Italia”. A parlare è il governatore uscente Stefano Bonaccini che all’autodromo di Imola ha presentato questa  mattina – assieme al sindaco di Milano Beppe Sala – il programma e i candidati della coalizione che sostengono la sua rielezione.

“L’Emilia-Romagna rappresenta qualcosa di importante anche per il resto del paese: in gioco c’è il futuro di questa regione, la sua identità e i suoi valori. Prima ancora del programma c’è un’idea di società diversa da quella dei nostri avversari, un’idea diversa dell’identità dell’Emilia-Romagna. Noi abbiamo un progetto per il futuro di questa regione”, dice nel suo discorso Bonaccini.

Conoscenza, diritti e doveri, sanità, scuola, assistenza, lavoro e sviluppo sostenibile i pilastri del programma. “Il nostro primo atto – ha detto – sarà firmare un nuovo patto per il lavoro, per passare dalla piena alla buona occupazione, e dalla crescita allo sviluppo sostenibile. Cinque anni fa la disoccupazione era al 9 per cento, oggi è al 5 per cento. Ancora non basta, ma aver recuperato 100mila posti di lavoro credo che ci faccia dire che si sta meglio di cinque anni fa”.

Intanto, gli ultimi sondaggi danno ragione a Bonaccini: il candidato del PD è avanti di tre punti rispetto alla Borgonzoni.

Leggi anche:

Emilia-Romagna, il politologo Pasquino a TPI: “Bonaccini senza carisma, Salvini ignorante, Borgonzoni incapace”

Tutte le notizie sulle elezioni in Emilia-Romagna

Pizzarotti a TPI: “Il Pd dovrebbe sciogliersi, il mio impegno per un nuovo progressismo”

“La sinistra in Italia è morta, oggi meglio votare subito”: Bertinotti a TPI

Il neo-qualunquismo della sinistra radicale che attacca le Sardine (di Marco Revelli)

“Io sono Mattia: eravamo 6mila e ora siamo 200mila. Noi Sardine da tutt’Italia salveremo i giovani e sconfiggeremo l’odio di Salvini”

3.9k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.