Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:41
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Elezioni, Bettini: “Il Pd deve guardare al 50% che non vota. Conte ha sbagliato ma dopo le elezioni si vedrà”

Immagine di copertina

“È stato giusto stare appresso al 2-3-4 per cento di Calenda, ma francamente è assai più utile e significativo guardare a quel 50 per cento di Italia che non vota“: in un’intervista al Corriere della Sera, il padre nobile del Pd Goffredo Bettini guarda alla strategia per vincere le elezioni e battere il centrodestra di Giorgia Meloni. Una vittoria, quella della coalizione FdI-Lega-Forza Italia, che per Bettini non è affatto scontata. Perché la destra “è divisiva, intimorisce una grande parte del Paese e nell’insieme ha un sapore illiberale condito con troppe promesse demagogiche e irrealizzabili”.

Il pericolo legato a un governo guidato dal campo opposto risiede secondo il teologo dem in una “possibile stretta autoritaria e illiberale, accompagnata da un’impronta di classe a favore dei più ricchi”. Per questo è necessario puntare alla larga fetta di popolazione che non vota. Ma il riformismo vero che ogni partito interessato a contrapporre Meloni promette “è solo una cosa: accorciare le distanze tra il privilegio e il dolore sociale“. “Francamente il resto sono chiacchiere da talk show”, dichiara.

Sul naufragio del campo largo con il M5S, il dem afferma di non avere rimpianti su quanto realizzato durante l’esperienza del Conte II e sui tentativi di costruire un’alleanza, ma conferma che la scelta di romperla è stata resa inevitabile dalla mancata fiducia dei grillini all’esecutivo guidato dal banchiere centrale. “La sfiducia al governo Draghi è stato un grave errore di Conte”, osserva. “Ha mandato all’aria la nostra alleanza e un lavoro positivo che si stava svolgendo. È rimasta una ferita profonda”.

E dopo il 25 settembre? “Si vedrà”. “La bellezza della politica è nella sua imprevedibilità. Adesso la priorità è il voto al Pd e alla coalizione che siamo riusciti a costruire”, dice Bettini sulla possibilità di rinsaldare alleanza con il Movimento dopo le elezioni, in Parlamento. Conte “si era convinto che il M5S, continuando a stare nel governo, sarebbe pressoché sparito. Ha fatto una scelta di sopravvivenza partitica”. A cui ha contribuito, conclude l’esponente dem, “la campagna aggressiva contro di lui di tutta l’informazione e gli appelli di Calenda a distruggerlo”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Il responsabile sanità di FdI: “Contrari al Green Pass, vaccino solo agli anziani. Stop all’obbligo per il personale sanitario”
Politica / Centrodestra, scontro per le regionali. La minaccia leghista: “Se salta la Lombardia, salta il governo”
Politica / “Oggi la sinistra dice cose di destra. E viceversa”: a TPI parla il politologo Luca Ricolfi
Ti potrebbe interessare
Politica / Il responsabile sanità di FdI: “Contrari al Green Pass, vaccino solo agli anziani. Stop all’obbligo per il personale sanitario”
Politica / Centrodestra, scontro per le regionali. La minaccia leghista: “Se salta la Lombardia, salta il governo”
Politica / “Oggi la sinistra dice cose di destra. E viceversa”: a TPI parla il politologo Luca Ricolfi
Politica / Fratelli d’Ungheria: cosa rischiamo se anche in Italia sbarca il modello Orbán
Politica / Follow the Money: ecco chi ha finanziato la campagna elettorale di Fratelli d’Italia
Politica / Dall’abolizione del Rdc alla rinegoziazione del Pnrr: ecco che cosa ha in mente Giorgia Meloni
Politica / Rosy Bindi: "Congresso è accanimento terapeutico, Pd va sciolto". Salvini: "Con Meloni clima ottimo"
Politica / Le ragazze di Non una di meno alla Boldrini: “Ma per quelle come noi di periferia che cosa avete fatto?! Niente!”
Politica / Il ritorno di Michetti: “Sono il Maradona dell’amministrazione ma i poteri forti non mi vogliono”
Politica / Liguria, la proposta di FdI: sportelli “pro vita” in tutti gli ospedali in cui si pratica l’aborto