Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:13
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Il Draghi bis è in bilico: le elezioni anticipate appaiono sempre più vicine

Immagine di copertina
Credit: Ansa

Le speranze per un Draghi bis sembrano sempre più ridotte al lumicino. Mercoledì sarà il giorno della resa dei conti, con il premier che riferirà alle Camere dopo lo strappo del Movimento 5 Stelle. “Il governo non ha più agibilità politica”, è convinto Mario Draghi, per cui convincerlo a ritirare le sue dimissioni non sarà impresa facile. “È irremovibile, non si vede come da qui a mercoledì possa cambiare idea”, spiegano fonti di Palazzo Chigi.

“Ci sono buone ragioni per andarsene e buone ragioni per restare”, avrebbe confidato il presidente del Consiglio ai suoi collaboratori più fidati, secondo un retroscena di Repubblica. Nel suo attesissimo discorso di mercoledì, prima al Senato e poi alla Camera, l’ex capo della Bce dovrebbe spiegare perché dal suo punto di vista “la maggioranza non c’è più”. E quindi neppure le condizioni per proseguire con l’azione di governo. L’ipotesi più probabile, al momento, è che dunque Draghi confermi le sue dimissioni.

A quel punto lo scenario conseguente vedrebbe con ogni probabilità lo scioglimento anticipato delle Camere. L’eventualità di un Draghi Bis ad oggi appare lontana ma non impossibile. Per convincere il premier a restare a Palazzo Chigi servirebbe un chiaro mandato e la piena fiducia ad andare avanti da parte dei leader politici e dei capigruppo di tutti i principali partiti, che si traduca in una risoluzione della larga maggioranza da sottoporre a un voto di fiducia.

Da sciogliere poi il nodo 5 Stelle, che vive ore di travaglio sull’ipotesi di ritirare i propri ministri. Meloni e Salvini si sono detti indisponibili a governare ancora insieme ai pentastellati, mentre Draghi aveva detto che riteneva impossibile un esecutivo senza il partito di maggioranza in Parlamento. La proposta che viene dal Pd è allora quella di riportare a bordo solo una parte di grillini, staccando i governisti dall’ala di Conte. Di certo Draghi non si accontenterà di una maggioranza raccogliticcia, consapevole che per affrontare le complesse sfide dei prossimi mesi servirà una fiducia forte. Che al momento il banchiere non vede all’orizzonte.

Anche in caso di dimissioni, il premier dovrebbe rimanere in sella per gli affari correnti. Mentre la data probabile per il voto anticipato sarebbe quella del 2 ottobre. Ma in politica quattro giorni possono essere un’eternità e in queste ore frenetiche chi vuole che “Super Mario” resti a Chigi sta cercando ogni strada per far sì che le “buone ragioni per restare” superino quelle per andarsene.

Una forte mano in tal senso potrebbe arrivare da una chiamata di peso dall’estero. Già sono arrivati d’altronde da Washington e dall’Europa attestati di stima nei confronti di Draghi. Mentre il fatto che la Russia di Putin festeggi per l’eventuale uscita di scena del premier italiano potrebbe non lasciare indifferenti. Al momento dunque l’ipotesi più probabile è che la legislatura sia in bilico e le elezioni più vicine. Ma la sensazione è anche che da qui a mercoledì possa ancora accadere di tutto. Non resta che attendere.

Ti potrebbe interessare
Politica / Parte la raccolta firme per il Referendum sull'abrogazione parziale della legge elettorale Rosatellum
Politica / Schlein e Renzi abbracciati, Conte obbedisce al ct La Russa. E la Nazionale Politici batte i Cantanti
Politica / Pier Silvio Berlusconi: "L'aeroporto intitolato a mio padre? Non mi sono piaciute le modalità"
Ti potrebbe interessare
Politica / Parte la raccolta firme per il Referendum sull'abrogazione parziale della legge elettorale Rosatellum
Politica / Schlein e Renzi abbracciati, Conte obbedisce al ct La Russa. E la Nazionale Politici batte i Cantanti
Politica / Pier Silvio Berlusconi: "L'aeroporto intitolato a mio padre? Non mi sono piaciute le modalità"
Politica / Roberta Metsola rieletta presidente del Parlamento europeo
Politica / “Sono il civile De Luca”: la nuova gelida stretta di mano tra Meloni e il governatore
Politica / Luca Zaia: “Armi a Kiev? È giunto il tempo della diplomazia”
Politica / La stoccata di Geppi Cucciari al ministro Sangiuliano e a TeleMeloni: “Applaudite, qua non possiamo coprire i fischi”
Politica / Il ministro Sangiuliano contestato, ma su Rai 1 i fischi si trasformano in applausi: i video a confronto
Politica / Il monito di Mattarella contro la "democrazia della maggioranza”
Politica / Città contro campagna e il fattore banlieues: la mappa del voto in Francia