Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 09:45
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Conte revoca Siri, Di Maio: “Non esulto ma sono contento che il caso sia chiuso”

Immagine di copertina
Luigi Di Maio. Credit: Afp/Giuseppe Maffia/NurPhoto

“Non esulto e non credo sia una vittoria”. Così il vicepremier M5S, Luigi Di Maio, ha commentato la decisione del premier Giuseppe Conte di chiedere le dimissioni del sottosegretario Siri, indagato per corruzione e da settimane al centro di un braccio di ferro tra Lega e Cinque Stelle.

“Sono contento che il Governo ora possa andare avanti perché il caso Siri si chiude”, ha detto Di Maio, ospite del programma tv Otto e Mezzo, in onda su La7. “È un problema che poteva rivolgersi qualche giorno fa con un iniziativa del singolo e senza coinvolgere i vertici del Governo”.

La posizione presa dal premier e dal M5S “non è una condanna su Armando Siri”, ha specificato il vicepremier. “Quando si mette un faro sui casi di costruzione è perché ci sono il soldi dei cittadini in ballo. Difendiamo i soldi dei cittadini”.

Conte in conferenza stampa – Il premier Giuseppe Conte ha dedicato una conferenza stampa a Palazzo Chigi al caso Siri: “Mi assumo la responsabilità politica di chiedere nel prossimo consiglio dei ministri di mettere all’ordine del giorno la revoca delle deleghe al sottosegretario Armando Siri”, ha affermato il premier.

Botta e risposta Siri-Di Maio – Il sottosegretario Siri nel pomeriggio del 2 maggio aveva dichiarato in un comunicato stampa di “essere pronto a dimettersi in 15 giorni, se non ci saranno novità da parte dei Pm”. Armando Siri si ritiene infatti “innocente”.

Secondo il vicepremier pentastellato, “la soluzione proposta dal sottosegretario Armando Siri è una strada un po’ furba che non potevamo permettere per rispetto agli Italiani”. Luigi Di Maio si è espresso così durante la registrazione della puntata di Otto e mezzo negli studi di La7.

Poi il ministro del Lavoro ha detto: “Il Consiglio dei Ministri per la revoca dell’incarico potrebbe essere “tra l’otto ed il nove maggio. Spero che non si arrivi a nessun voto. Nel caso M5s voterà a favore della revoca, ed ha la maggioranza assoluta nel consiglio dei ministri”.

L’appello per un riavvicinamento – Molti sono i punti di scontro che stanno allontanando le due parti della maggioranza di governo, Lega e M5S. Per questo Luigi Di Maio, ospite al programma di Lilli Gruber, ha richiamato all’unità. Rivolgendosi a Matteo Salvini ha detto: “Chiuso il caso Siri, incontriamoci, parliamo e lavoriamo insieme”.

Caso Siri: un riassunto di quello che è successo dopo che il sottosegretario leghista è stato indagato per corruzione

Siri: “Se non ho notizie dal pm entro 15 giorni mi dimetto”

Caso Siri, Di Maio: “Non arretriamo su questione morale”. Le province? “Chi le vuole si cerchi un altro alleato”

Extraterrestri e carboni ardenti: il passato alchimista del leghista Siri, indagato per corruzione

Il caso Siri puzza di mafia, molto più di quello che la Lega vorrebbe far credere (di G. Cavalli)

Ti potrebbe interessare
Politica / Renzi ha preso un jet privato per incontrare un emiro del Qatar su uno yacht. Spuntano le foto
Politica / Roma, il candidato sindaco di centrodestra Michetti: “Non voglio fare nessun appello pro vaccini”
Opinioni / Il piano Covid non c’è, le assunzioni neanche, rebus trasporti: il Governo dei Migliori si è dimenticato della scuola
Ti potrebbe interessare
Politica / Renzi ha preso un jet privato per incontrare un emiro del Qatar su uno yacht. Spuntano le foto
Politica / Roma, il candidato sindaco di centrodestra Michetti: “Non voglio fare nessun appello pro vaccini”
Opinioni / Il piano Covid non c’è, le assunzioni neanche, rebus trasporti: il Governo dei Migliori si è dimenticato della scuola
Politica / Caso camici, per i pm "Fontana ha anteposto il suo interesse a quello pubblico"
Politica / Nella nuova Rai targata Mario Draghi è già tempo di tagli (di M. Antonellis)
Politica / Green pass, Brunetta risponde a Cacciari: “Narcisista sconfinato, peggio di Travaglio su Draghi”
Politica / Chiara Geloni a TPI: "La stampa ha la coda di paglia: attacca Travaglio per le sue tesi sulla caduta del Conte 2"
Politica / Lettera a TPI: “Alessandro, preparati”
Politica / Salvini ora contesta anche il vaccino obbligatorio per il personale scolastico
Politica / Scuola, obbligo di vaccino per il personale dal 12 settembre: le ipotesi al vaglio del governo