Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 13:03
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Il Decreto Scuola è legge: approvato alla Camera con 245 voti a favore

Immagine di copertina
Lucia Azzolina, ministro dell'istruzione, mentre si reca a palazzo Chigi per un vertice sulla scuola, Roma 4 giugno 2020. ANSA/FABIO FRUSTACI

Decreto Scuola, il voto finale alla Camera

Via libera definitivo della Camera al decreto Scuola. I voti favorevoli sono 245, i contrari 122, nessun astenuto. Il decreto diventa legge. Hanno votato a favore le forze di maggioranza, hanno votato contro le opposizioni. Il via libera arriva dopo circa due giorni di seduta ‘fiume’, con l’ostruzionismo di FdI e Lega e le proteste messe in atto ieri sera in Aula dai leghisti, che hanno srotolato uno striscione con su scritto “Azzolina bocciata”. Era slittato ad oggi, sabato 6 giugno, il voto finale per la conversione in legge del dl Scuola dopo il caos di ieri in Aula alla Camera e l’ostruzionismo di Lega e Fratelli d’Italia. Qui abbiamo spiegato cosa prevede il decreto Scuola.

Dl Scuola, cosa è successo ieri

Da ieri si susseguono decine di interventi in dichiarazione di voto da parte dei parlamentari dell’opposizione (FdI e Lega in particolare), che hanno portato a un’altra seduta in notturna, la seconda consecutiva dopo quella di ieri notte. Il ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, è stata duramente contestata dal centrodestra per “l’assenza prolungata”, per poi “farsi vedere solo nel tardo pomeriggio”, è l’accusa delle opposizioni. Nella serata di ieri la Lega ha srotolato uno striscione con su scritto “Azzolina bocciata” e intonato cori al grido di “vergogna, vergogna”. Dopo la bagarre, con un duro scontro tra leghisti e Pd, la seduta è stata sospesa.

Le opposizioni criticano il decreto nel merito, ma anche nel metodo: nessuna “nostra proposta di modifica è stata accolta”, sostengono i parlamentari. La mediazione tentata dalla maggioranza col centrodestra sembra intanto essere fallita, e le richieste di Lega e FdI vengono bollati come “ricatti” da parte di “irresponsabili”. La tesi è che, se il decreto non venisse convertito in legge per tempo, sarebbero a rischio le assunzioni degli insegnanti precari e gli esami di maturità.

Leggi anche: 1. Decreto Scuola, dall’esame di maturità al concorso per l’assunzione dei precari: cosa prevede il testo; 2. Azzolina a TPI: “Nelle scuole 70 milioni di euro per comprare i tablet ai ragazzi che non li hanno”/3. Scuola, i docenti precari a TPI: “La Azzolina ha bandito un concorso-truffa che moltiplica il precariato. E che ci mette in pericolo” /4. Alla scuola serve il concorso, non le “grandi infornate” (di L. Telese)

Ti potrebbe interessare
Politica / L’audio di Salvini scuote il centrodestra: “Da Fratelli d’Italia troppe rotture di coglioni”
Politica / Berlusconi vuole un uomo solo alla guida del centrodestra: tre i nomi riservati
Politica / Incontro tra Berlusconi, Salvini e Meloni: “Centrodestra compatto". Ma in Forza Italia scoppia il caso Gelmini
Ti potrebbe interessare
Politica / L’audio di Salvini scuote il centrodestra: “Da Fratelli d’Italia troppe rotture di coglioni”
Politica / Berlusconi vuole un uomo solo alla guida del centrodestra: tre i nomi riservati
Politica / Incontro tra Berlusconi, Salvini e Meloni: “Centrodestra compatto". Ma in Forza Italia scoppia il caso Gelmini
Politica / Aumenti bollette, Draghi annuncia nuovi provvedimenti per tutelare le fasce deboli
Politica / Grillo difende il reddito di cittadinanza: “Una delle riforme sociali più importanti della storia”
Politica / Bilancio, governo approva documento programmatico: addio a Quota 100, più controlli sul Reddito di cittadinanza
Politica / Camera, il ritorno di Enrico Letta: standing ovation del Pd. “Non chiederemo il voto anticipato”
Politica / Assalto squadrista alla Cgil, Lamoregese: “Respingo accuse di strategia della tensione”
Politica / “Un amore chiamato politica”: il ministro Di Maio annuncia il suo primo libro
Politica / Michetti commenta la sconfitta a Roma con una gaffe: "L'esito del voto è laconico"