Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Ddl Zan, il Senato vota Sì alla “tagliola”: stop alla legge con 154 voti favorevoli a scrutinio segreto

Immagine di copertina

Il Ddl Zan arriva al Senato: oggi il voto decisivo per il destino della legge contro l’omotransfobia

L’Aula del Senato ha approvato con 154 voti favorevoli, 131 contrari e due astenuti le richieste di Lega e FdI di non passaggio all’esame degli articoli del ddl Zan, la cosiddetta “tagliola”. Si blocca dunque l’iter in Senato della proposta di legge, che era stata già approvata dalla Camera.

La presidente Casellati ha ritenuto “ammissibili le due richieste di votazione segreta in base al regolamento e ai precedenti”. Casellati ha dato quindi il via libera al voto a scrutinio segreto sulla richiesta di stop all’esame degli articoli del ddl Zan, rendendo materiale il timore del relatore Zan.

Fino all’ultimo i partiti hanno cercato una mediazione per evitare di andare alla conta in Senato, ma tutti i tentativi di trovare un accordo sono falliti. Il centrodestra ha chiesto di rinviare tutto di una settimana: richiesta appoggiata anche da Italia Viva, il cui leader Matteo Renzi nel frattempo potrebbe disertare il voto in aula a causa di un impegno nell’Arabia Saudita di bin Salman, ma respinta da Pd, M5S e Leu.

I giallorossi, dal canto loro, hanno chiesto al centrodestra di ritirare la cosiddetta “tagliola”, ovvero il voto a scrutinio segreto sul non passaggio all’esame degli articoli della legge, che, qualora passasse, sancirebbe la morte definitiva del disegno di legge.

“La ‘tagliola’ resta, certo che resta, e poi ci sarà la richiesta del voto segreto” ha dichiarato il capogruppo della Lega al Senato, Massimiliano Romeo, che ha aggiunto: “La Lega aveva dato disponibilità a cercare una mediazione sul testo del provvedimento, ma ci hanno detto di no”.

Richiesta, come detto, respinta dai giallorossi, che hanno deciso di andare alla conta al Senato. “Ognuno si prenderà le sue responsabilità così si vedrà chi voleva affossare il provvedimento” ha dichiarato in serata la capogruppo dem Simona Malpezzi.

Ti potrebbe interessare
Politica / Meloni: “Nessun presupposto per le dimissioni di Donzelli e Delmastro. Abbassiamo i toni”
Politica / Ilaria Cucchi va a trovare Alfredo Cospito: “Dopo mio fratello nessun altro deve morire di carcere”
Politica / Paola De Micheli a TPI: “Alla sinistra serve un nuovo umanesimo”
Ti potrebbe interessare
Politica / Meloni: “Nessun presupposto per le dimissioni di Donzelli e Delmastro. Abbassiamo i toni”
Politica / Ilaria Cucchi va a trovare Alfredo Cospito: “Dopo mio fratello nessun altro deve morire di carcere”
Politica / Paola De Micheli a TPI: “Alla sinistra serve un nuovo umanesimo”
Politica / Lettera aperta a Beppe Grillo da un’elettrice delusa: “L’ennesimo partito imborghesito non ci interessa”
Politica / Una poltrona per due: la strana coppia del Tesoro
Politica / “La riforma Cartabia non ha migliorato la Giustizia”
Politica / Cuperlo a TPI: “Caro Pd, non nascondiamo la polvere sotto al tappeto”
Politica / Elly Schlein a TPI: “Vinco io il Congresso del Pd, lo dicono i numeri”
Politica / Elly Schlein a TPI: “Dopo la politica mi darò al cinema, sogno di fare la regista”
Politica / Modello Bonaccini: ritratto di un uomo-immagine (di L. Telese)