Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:29
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Italia Viva ha votato il Ddl Zan alla Camera ma non firma l’appello Pd-M5S al Senato

Immagine di copertina

Sono ore cruciali per il destino del ddl Zan in Senato. Ieri i gruppi di Pd, Leu, M5S e Autonomie in commissione giustizia hanno scritto alla presidente Elisabetta Casellati per chiedere che la legge venga mandata direttamente in aula, senza sottostare all’ostruzionismo di 170 audizioni e di tutti i trucchetti del presidente  della Commissione Andrea Ostellari per allungare i tempi oltre l’estate e, quindi, fare coincidere la discussione con la sessione di bilancio, di fatto bloccandola. Pur avendo votato la legge alla Camera, non ha firmato la lettera Italia Viva che, invece, punta a modificare il testo mediando con quello a firma Ronzulli (Forza Italia, appoggiato dalla Lega).

In un’intervista rilasciata oggi al Corriere della Sera, Ostellari si dice pronto a tagliare sul numero di audizioni purché si arrivi ad un testo condiviso. Di cosa parla? Del testo presentato da Forza Italia e Lega. La proposta di legge, di cui è prima firmataria la senatrice Licia Ronzulli, è del tutto diversa dal ddl Zan.

Il ddl esclude l’identità di genere (e quindi, di fatto, le persone trans), prevede aggravanti minori rispetto a quelle del testo approvato alla Camera ed esclude del tutto le azioni di prevenzione. Quindi niente Giornata contro l’omolesbobitransfobia e niente sostegno a centri antiviolenza e case rifugio. Creerebbe, inoltre, diversi problemi di compatibilità con la legge Mancino perché Ronzulli ha inserito nel suo testo le discriminazioni razziali, già previste nella norma del 1993.

“Ho sentito aperture anche nel Pd” dice Ostellari. Si riferisce a quella frangia di ex renziani, capitanata da Andrea Marcucci, che nonostante l’indicazione di Letta di votare il ddl Zan compatti, chiede una mediazione e un compromesso. Senza i voti di Italia Viva (la mancata firma della lettera a Casellati è un segnale) e con i voti di alcuni senatori del Pd in bilico, il percorso del ddl Zan è sempre più in salita. 

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Con questa classe dirigente il Pd non ha futuro (di L. Pacini)
Politica / Piccolotti a TPI: “Se il Pd rompe ancora, gli elettori lo puniranno di nuovo”
Cronaca / Tragedia Ischia, il governo si contraddice: Salvini annuncia 8 vittime, Piantedosi e il prefetto lo smentiscono
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Con questa classe dirigente il Pd non ha futuro (di L. Pacini)
Politica / Piccolotti a TPI: “Se il Pd rompe ancora, gli elettori lo puniranno di nuovo”
Cronaca / Tragedia Ischia, il governo si contraddice: Salvini annuncia 8 vittime, Piantedosi e il prefetto lo smentiscono
Politica / Soumahoro, Fratoianni: “Ombre su Aboubakar da chiarire, ma non mi pento”
Politica / Renzi: “Noi con la maggioranza? Io come Jep Gambardella sono quello che i governi li fa fallire”
Cronaca / Caso Soumahoro, l’operatrice della coop dei familiari: “Senza stipendio da quasi due anni, aspetto 20 mila euro”
Politica / Calenda: “Meloni ci ascolta perché è matura, il Pd no. Siamo noi il centro riformista”
Politica / Soumahoro sulle borse griffate della moglie: "C'è diritto all'eleganza"
Politica / “La violenza sulle donne è una violazione dei diritti umani”: il discorso di Mattarella
Politica / Gaffe di Pichetto Fratin a Bruxelles: non capisce la domanda in inglese e pensa siano “complimenti” | VIDEO