Covid ultime 24h
casi +19.350
deceduti +785
tamponi +182.100
terapie intensive -81

Il comune di Roma firma la lettera a sostegno della liberazione di Patrick Zaki: approvata la mozione del Pd

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 3 Set. 2020 alle 22:35 Aggiornato il 4 Set. 2020 alle 08:54
414
Immagine di copertina

Roma firma la lettera per la liberazione di Patrick Zaki

Il consiglio comunale di Roma firmerà la lettera a sostegno della liberazione di Patrick Zaki, il ricercatore egiziano dell’Università di Bologna detenuto dallo scorso febbraio in carcere in Egitto con l’accusa di turbativa sociale e terrorismo, e affiggerà il ritratto del giovane in Campidoglio. La proposta è arrivata dal Pd con una mozione approvata all’unanimità oggi, giovedì 3 settembre, durante la seduta in aula Giulio Cesare. “Con enorme piacere vi annunciamo l’approvazione all’Unanimità della Mozione del Gruppo Partito Democratico Assemblea Capitolina sottoscritta anche da alcuni esponenti della maggioranza 5 Stelle. Iniziativa nata su impulso e firma dei consiglieri Giulio Pelonzi, Giulia Tempesta, Valeria Baglio, Ilaria Piccolo, Giulio Bugarini, Marco Palumbo Orlando Corsetti e Giovanni Zannola, cui rivolgiamo il nostro plauso per l’iniziativa!”, si legge nella nota diffusa da InOltre-Alternativa Progressista, l’associazione di giovani militanti del Partito democratico che ha promosso l’iniziativa.

“Un gesto concreto di vicinanza da parte dei consiglieri di Roma Capitale che ha un peso di rilevanza internazionale. Ringraziamo i consiglieri che ci hanno aggiornato durante tutta la fase di elaborazione e approvazione. L’affissione del nostro ritratto segue altre iniziative analoghe come quella del Comune di Bologna, delle assemblee legislative delle regioni Emilia-Romagna e Campania! Ancora grazie all’artista di calligraphy art Francesca Grosso che ha realizzato il ritratto”, scrive lo staff di InOltre. A tracciare i lineamenti del viso di Patrick nel ritratto è il testo della lettera a sostegno della liberazione del giovane, che sarà inviata al carcere di Tora, dove è detenuto, e che il Comune di Roma ha accettato di sottoscrivere attraverso la mozione.

Come riportato dall’Agenzia Dire, inizialmente il Pd aveva presentato una mozione per chiedere alla sindaca Raggi di attivarsi per conferire la cittadinanza onoraria a Zaki, ma questa è stata bloccata dall’annuncio del voto di astensione della maggioranza del M5s e di Fratelli d’Italia. Il consigliere Francesco Ardu ha spiegato che i pentastellati si sono astenuti perché “pur condividendo motivazioni e opportunità”, hanno dubbi sull’istituto della cittadinanza onoraria. “Ci chiediamo se per portare all’attenzione il suo caso la cittadinanza sia lo strumento giusto”, ha dichiarato Ardu. “Non partecipiamo in quanto non condividiamo lo strumento della cittadinanza”, ha invece spiegato Andrea De Priamo, di FdI. La mozione approvata in seguito alla bocciatura di quella relativa alla cittadinanza onoraria ha stabilito che il ritratto di Zaki sarà esposto in Campidoglio per 30 giorni.

Leggi anche: 1. Centonovantanove lettere per Patrick Zaky / 2. “Mi mancate, sto bene e un giorno tornerò libero”: Patrick Zaky dal carcere scrive alla famiglia / 3. Egitto, la Patrick Zaky deve restare in carcere: il Tribunale proroga di altri 45 giorni la detenzione / 4. Cecilia Strada a TPI: “Vendere armi all’Egitto vuol dire sostenere torture e uccisioni come quella di Regeni”

414
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.