Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:17
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Salvini: “Cannabis? Meglio legalizzare la prostituzione, far l’amore fa bene sempre”

Immagine di copertina

Cannabis light Salvini prostituzione | “La droga fa male, se bisogna legalizzare o liberalizzare qualcosa, parliamo invece della prostituzione, visto che far l’amore fa bene sempre e farlo in maniera protetta e controllata medicalmente e sanitariamente”.

Sono le parole del ministro dell’Interno, Matteo Salvini, che torna sul tema della legalizzazione della cannabis e della chiusura dei negozi di canapa legale.

“Sono sicuro che il ‘modello Macerata’ può essere replicato con successo in tutta Italia, oggi stesso manderò una direttiva con questa indicazione”, aveva affermato qualche ora fa il ministro dell’Interno, che ha annunciato di voler chiudere tutti i negozi di cannabis light, perché sarebbero dei veri e propri luoghi di spaccio di droga, anche legale.

Nei cannabis shop vengono venduti prodotti a base di cannabis con un livello di thc, il principio attivo, inferiore allo 0,2 per cento.

Le affermazioni di Salvini hanno creato grande scompiglio all’interno della maggioranza. Sia il ministro Di Maio che il premier Conte hanno frenato sull’annuncio di Salvini. Di Maio, il cui partito ha presentato una proposta di legge per legalizzare la cannabis, ha detto che sarebbe più opportuno occuparsi della droga illegale, piuttosto che di quella illegale.

Dal canto suo Conte ha detto che il tema della chiusura dei cannabis shop non è all’ordine del giorno.

Ti potrebbe interessare
Politica / “Chi fa politica mette in conto la prigione”: le lettere dal carcere del giovane Berlinguer
Politica / Il discorso del 1969 che consacrò la leadership di Enrico Berlinguer
Politica / Dalla strada sbarrata per il Quirinale all’irrilevanza sulla crisi Ucraina: Draghi ha perso il whatever it takes
Ti potrebbe interessare
Politica / “Chi fa politica mette in conto la prigione”: le lettere dal carcere del giovane Berlinguer
Politica / Il discorso del 1969 che consacrò la leadership di Enrico Berlinguer
Politica / Dalla strada sbarrata per il Quirinale all’irrilevanza sulla crisi Ucraina: Draghi ha perso il whatever it takes
Politica / Copisteria Montecitorio: salasso a sei zeri in atti parlamentari
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Politica / Berlusconi: “L’Europa convinca Kiev ad accettare le richieste di Putin”
Politica / Pnrr, l’agenda degli incontri di Cingolani con i lobbisti scompare dal sito: “Serve più trasparenza”
Politica / “I partiti non fanno più politica”: la storica intervista di Berlinguer a Scalfari sulla Questione Morale
Politica / “Vestito inappropriato”: cronista allontanata da Montecitorio. Poi le scuse: “È stato un errore”