Covid ultime 24h
casi +22.865
deceduti +339
tamponi +339.635
terapie intensive +64

Azzolina: “Chiudere la scuola è stata una ferita che porterò dentro per sempre”

Di Luca Serafini
Pubblicato il 17 Feb. 2021 alle 11:09 Aggiornato il 17 Feb. 2021 alle 11:10
1.1k
Immagine di copertina
Lucia Azzolina. Credit: Ansa

“Per una persona che ama la scuola, dover dire il 4 marzo all’intero Paese che bisognava chiudere è stata una ferita che porterò dentro per sempre”. A dirlo, in un’intervista al Corriere della Sera, è l’ex ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, che ripercorre i difficili mesi alla guida della scuola italiana, in piena pandemia.

“Ho dato il mio contributo, non mi sono risparmiata, ho lavorato per gli studenti e per le studentesse e adesso torno in Parlamento, che sarà centrale”, dice Azzolina. “In questi giorni sto ricevendo molto affetto da parlamentari, cittadini, genitori, dirigenti. L’anno del Covid è stato un anno di solitudine per tutti, ma io sono stata circondata da una grandissima comunità scolastica che mi ha permesso di andare avanti”.

L’ex ministra è tornata anche sulla questione dei banchi a rotelle: “A giugno il Comitato tecnico scientifico mi ha detto che se intendevo riaprire le scuole a settembre, serviva il metro di distanza. […] In Europa esistono i monoposto tradizionali e le sedute innovative, i cosiddetti ‘banchi a rotelle’, gli stessi utilizzati in istituti di eccellenza come quelli dei gesuiti frequentati a suo tempo dal premier Draghi. Sono stati i presidi a scegliere di quali avvalersi: abbiamo consegnato 400mila sedute innovative e 2 milioni di monoposto. Un investimento strutturale, che resterà. Ma che nella becera propaganda politica di chi non conosce la scuola è diventato altro”.

Sul neoministro Bianchi, Azzolina commenta così: “Nessuno è tecnico fino in fondo, è stato per anni assessore in una giunta Pd”. Su un eventuale nuovo lockdown con le scuole chiuse, spiega che “il neoministro lo ha escluso. Io penso che le scuole debbano essere l’ultima cosa a chiudere. Ovviamente è una scelta politica. Se dovessero aumentare i contagi e il governo dovrà deciderà le priorità, mi auguro che la scuola sia messa al primo posto”.

Leggi anche: 1. Sorpresa, Draghi starebbe pensando di tenere per sé la delega ai servizi e 4 sottosegretari (i partiti nel panico) 2. Il Pd cambia linea: difendere Draghi? Scordatevelo. Faremo presente ogni cosa che non ci piace 3. Forza Italia: la creatura di Silvio Berlusconi dilaniata tra sovranisti e antisovranisti 

4. Fratoianni invita Zingaretti e il M5S a costruire l’alleanza per le amministrative: “Lavoriamo da domani” 5. Se nel Pd le donne contano davvero, adesso un ministro uomo deve dimettersi e lasciare il posto a una collega (di Luca Telese) 6. Donne del PD, ora basta: sfondiamo le porte che altrimenti resteranno chiuse (di Monica Cirinnà

Messaggio politico elettorale. Committente: Tobia Zevi

1.1k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.