Me
HomePolitica

“Nel Pd ho fatto tante battaglie, ma nessuno voleva comunicarle. Scelgo Renzi per sentirmi viva”: a TPI la più giovane del Pd passata a Italia Viva

È entrata nella direzione del Pd quando aveva 19 anni, scelta da Renzi tra i giovani Millennials della sua "mozione". A ottobre ha animato il palco della Leopolda. Sogna un mondo in cui la politica parli ai giovani

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 12 Nov. 2019 alle 16:53 Aggiornato il 12 Nov. 2019 alle 20:43
Immagine di copertina
Matteo Renzi e Arianna Furi sul palco della Leopolda 2019

Arianna Furi, la più giovane della direzione Pd passata a Italia Viva

Si chiama Arianna Furi, ha 21 anni, ed è entrata nella direzione del Pd quando ne aveva 19, scelta da Renzi insieme ad altri 19 ragazzi per varcare con lui la soglia del Nazareno.

Ha deciso di seguire Renzi sin da piccola perché era l’unico politico di cui capiva i discorsi in Tv.

Così nel 2011 si è presentata tutta sola alla sede del comitato nazionale di Renzi a Piazza delle Cinque Lune, a Roma, e lui le ha aperto le porte della politica.

Otto anni dopo l’ha chiamata ad animare il palco della Leopolda a poche settimane dall’uscita dal Pd, che lei e gli altri giovani di “Millennials”, l’associazione che Arianna ha fondato nel 2017, non hanno esitato ad appoggiare.

“A 14 anni avevo provato a entrare in un circolo Pd vicino casa mia a Roma, ma il segretario mi disse di andare via a fare le cose che fanno i giovani. Io uscii sconvolta. Ancor prima di chiedermi cosa ne penso mi mandi già via?”, racconta Furi a TPI.

“Una settimana dopo ho fatto la stessa cosa bussando alla porta del comitato nazionale di Renzi e ho trovato un clima opposto. Una squadra di persone che ha visto nella mia giovane età un punto di forza. Hanno pensato di dare valore alle mie idee”.

Che idee avevi a 14 anni?

Pensavo che la politica dovesse cambiare linguaggio. Era assurdo che io, che di talk show politici me ne sorbivo un sacco, avessi capito solo i discorsi di Renzi. Bisognava trovare una sintesi tra il parlare semplice e non cadere nel banale. La vera sfida è rendere accessibile a tutti tematiche complesse che, riguardando tutti i cittadini, devono essere comprese da tutti.

Oggi la sinistra si scontra con forze politiche che parlano in modo semplice, con pochi slogan che arrivano a tutti. Ma non è più importante avere qualcosa da dire, prima di pensare a comunicarla?

Il problema è che oggi il mondo si è rovesciato. La chiave vincente, e lo dicono anche gli esperti di comunicazione, è trovare slogan prima ancora di trovare contenuti. È orribile ma si vince così. E la cosa che dicevo sempre quando ero nel Pd era che noi i contenuti ce li avevamo, facevamo tante belle battaglie che non eravamo in grado di comunicare.

E mi chiedevo, possibile che facciamo vincere chi non ha contenuti, solo perché sa comunicare? Le cose che avevamo da dire restavano tra noi perché non eravamo in grado di raccontarle. E se facevi notare che era importante investire sulla comunicazione, ti rispondevano che la politica vera è quella che si fa nelle piazze.

E se non stai nemmeno nelle piazze..

Appunto, almeno comunica. Se il Pd non torna a comunicare, muore da solo. Nessuno lo sta sconfiggendo, si sta sconfiggendo da solo.

Una delle battaglie più belle intraprese quando eri nel Pd che non ha ottenuto sufficiente visibilità?

Dentro il Rojava, guerra di Siria

La prima volta che sono intervenuta in direzione l’ho fatto portando la proposta di reintrodurre l’obbligo d’insegnamento dell’educazione civica nelle scuole, quando Salvini ancora non ne parlava. Era il 2017 e lui ha iniziato a parlarne nel 2018. Mi ricordo che fu accolta benissimo, ci iniziammo a lavorare e con Valeria Fedeli e Simona Malpezzi abbiamo fatto un lavoro fantastico. Siamo riusciti a inserirla come materia di esame alla maturità e a implementare le linee guida dell’insegnamento, con argomenti obbligatori da affrontare. Abbiamo trovato un modo per invogliare i docenti a insegnarla. Ma non lo abbiamo detto a nessuno.

E invece è una battaglia che adesso si è intestata Matteo Salvini

Dentro il Rojava, guerra di Siria

Se chi faceva le ospitate in Tv ogni tanto l’avesse citata come nostra battaglia, questo non sarebbe successo. Ora ho smesso di arrabbiarmi e penso “gli sta bene”. Se provavi a far notare che bisognava parlarne, ti rispondevano che c’erano cose più importanti di cui parlare.

E di cosa si parlava allora nella direzione del Pd?

Di certo non si parlava dell’ordine del giorno. Se il segretario annunciava un ordine del giorno, poi il dibattito verteva tutto su chi aveva detto cosa in Tv. Quel luogo che doveva essere  un posto dove si decidevano le linee strategiche del partito era il posto dove si scatenavano le peggiori correnti.

Le famose “bande armate” di cui parlava Bellanova alla Leopolda?

Sì, e la cosa più assurda è che sull’ordine del giorno si interveniva usciti dal Nazareno, rispondendo ai giornalisti. Ma perché non si poteva parlarne durante la direzione? Perché rivolgersi al segretario da due piani più sotto? Così ho iniziato a pensare che non avesse più senso. Gli stessi zingarettiani uscivano dalla sala quando Zingaretti parlava durante le ultime direzioni. Mi sentivo presa in giro. Le linee politiche si decidevano a botte di comunicati stampa.

È per questo che quando Renzi ha deciso di uscire dal Pd e fondare Italia Viva non ci hai pensato due volte prima di uscire, nonostante fossi a 21 anni nella direzione di un partito?

A livello personale devo tanto al Pd nel senso che è stata esperienza formativa, e il Pd è fatto non solo da chi ha incarichi politici, ma di altri dipendenti e persone straordinarie. Ma mi sono detta, a 21 anni che ci faccio lì dentro? Mi sono vista seduta in quella direzione tra un anno, completamente svogliata. Ho deciso di rinunciare a un incarico anche se in Italia Viva non c’è ancora niente, per seguire i miei ideali. Ho deciso di andare dove mi sento “viva”.

Hai fondato l’associazione Millennials nel 2017 per sostenere Renzi. Siete passati tutti a Italia Viva o qualcuno è rimasto/passato al Pd?

Siamo nati come comitato per sostenere la mozione Renzi alle primarie del 2017, con l’obiettivo di avvicinare i giovani alla politica, per rendere attrattive la cosa più noiosa del mondo, le primarie del Pd. A Matteo l’idea piacque così tanto che ci disse, in aereo verso Bruxelles, di non chiudere il comitato, di portarlo avanti. Perché era in questa generazione che voleva investire. Una settimana dopo eravamo in direzione. Su 6mila iscrizioni che abbiamo, solo 4 sono rimasti nel Pd. Credevo molti di più. Quando a un certo punto ci siamo detti di passare a Italia Viva ho pensato sarebbe successa una strage invece per noi è stato molto più rapido e indolore. Il passaggio l’abbiamo fatto prima di Matteo se è stato così veloce.

Adesso si parla di una nuova casa in cui avrete la possibilità di portare avanti le vostre battaglie lontani dalle lotte tra correnti. Eppure una battaglia per essere efficace ha bisogno di una base solida, un partito con una storia e una tradizione

Se le idee sono valide nessuno si chiede da chi sono partite. La battaglia è valida se si è capaci di portarla avanti. Se ci pensi abbiamo fatto cambiare idea tre volte a Bonisoli su 18 app, abbiamo mobilitato 15mila persone per mantenere il bonus cultura con una petizione su Change.org. Se hai un’idea bella e valida il seguito viene da sé.

Due idee di Italia Viva in cui credi molto?

Rendere la politica un luogo in cui anche le donne possono impegnarsi. Soffrivo il fatto di fare politica in un mondo circondato di uomini. E il fatto che Matteo Renzi ha scelto come prima sfida la parità di genere prima ancora di scrivere lo statuto è una cosa che ho apprezzato tanto. Un’altra è quella di fare avere un ruolo centrale alla cultura. L’Italia dovrebbe campare solo di quello, cercare di riuscire a educare il mondo alla bellezza potrebbe rendere il nostro Paese migliore.

A proposito di donne, a chi ti ispiri di più, a Maria Elena Boschi o a Teresa Bellanova?

Ho un’opinione molto positiva di entrambe. Maria Elena combatte con una società che crede che se sei donna e anche piacente nessuno pensa che sei lì per i tuoi meriti. Io spero di avere il 20 per cento della sua preparazione una volta laureata. Teresa è una forza nella natura che ha tantissimo da insegnare a molti uomini. Ma io m’ispiro a mia madre, è lei il mio modello.

Renzi ti ha avvisata che avresti animato il palco dell’ultima Leopolda una settimana prima della convention. Ha fatto lo stesso con Italia Viva? Ha deciso di uscire dal Pd una settimana prima?

No, se ne ragionava da un po’. Matteo è stato bravo a cogliere l’occasione per realizzare un’idea che coltivava da sempre. Abbiamo iniziato a sentire un muro di gomma contro di noi un anno fa, dopo l’elezione di Zingaretti a segretario. Ma solo perché ci pensava da tanto è stato capace poi al momento giusto di lanciare l’idea in tre secondi.

Noi lo sapevamo, ma non sapevamo che sarebbe successo il 17 settembre, in quel preciso istante. Io quando l’ho saputo ero seduta sul divano e ho detto: “Ah, ok perfetto, è arrivato il momento”.

Leggi anche: 

Italia Viva e il fattore Instagram: se la cosa più innovativa che emerge da questa Leopolda è molta forma e poca sostanza

Leopolda 2019, chi sono i giovani millennials di Renzi | VIDEO

Casa, coraggio, donne, futuro: tutte le parole della Leopolda 10

Diario dalla Leopolda, il racconto del popolo di Renzi: “Non abbiamo paura” | VIDEO

L’ideatore del simbolo di Italia Viva a TPI: “Abbiamo scelto i colori di Instagram, la V rappresenta la spunta delle cose fatte”