Me

Leopolda 2019, chi sono i giovani millennials di Renzi?

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 19 Ott. 2019 alle 23:31 Aggiornato il 19 Ott. 2019 alle 23:31

Leopolda 2019, chi sono i giovani millennials di Renzi?

I giovani di Italia Viva chiedono unità al partito, superando le divisioni interne che erano presenti prima nel Pd e muovendosi come corpo unico “a prescindere da chi sia, il segretario va sempre sostenuto” suggerisce uno dei giovani, mentre altri dicono ai più grandi “prendete esempio da noi che siamo molto uniti”. TPI li ha incontrati durante la Leopolda 10 a Firenze.

Leopolda 2019: le interviste, i commenti, la diretta LIVE di TPI sul campo

“A guardare qui in platea non sembriamo così tanti, però ci siamo”, spiega uno degli under 30 arrivati a Firenze per la Leopolda.

I tavoli tematici, con un parlamentare o un ministro in ascolto dei pochi che hanno guadagnato per tempo un posto a sedere sono una cinquantina; intorno, una ressa di cronisti e visitatori con posti in piedi. In questo contesto i giovani vogliono essere protagonisti: “Vogliamo poter dire la nostra sull’ambiente e sul lavoro”.

E quando gli si chiede della proposta del voto a 16 anni, si dicono entusiasti: “Noi saremmo pronti a votare, i ragazzi della Leopolda studiano e amano la politica”. E in effetti è proprio così, normalmente se ne vedono pochi di under 30 così interessati all’attualità.

Leggi anche:

Leopolda 2019, il programma della decima edizione della convention politica di Renzi

Lo show dei “due Mattei” per ottenere l’incoronazione delle piazze (di Luca Telese)

Qui i dettagli del simbolo di Italia Viva