Coronavirus:
positivi 13.595
deceduti 34.914
guariti 193.640

Basta INPS, è tempo che i giovani scelgano dove versare i contributi

Di Elisa Serafini
Pubblicato il 4 Feb. 2020 alle 20:02 Aggiornato il 5 Feb. 2020 alle 06:24
5.1k
Immagine di copertina
Credits: Pixabay

Basta Inps, i giovani scelgano dove versare i contributi per le loro pensioni

Sta prendendo forma una proposta di contributo minimo destinato a chi ha iniziato a lavorare dal 1996. L’iniziativa, partita dai tre più grandi sindacati italiani, punta a dare copertura a chi ha lavorato in modo saltuario e discontinuo. Un progetto che suona, però, come un “youngwashing”, una strategia messa in atto da sindacati e Stato per coprire i danni provocati da 50 anni di incuria e malagestione alle nuove generazioni.

L’aumento costante della spesa pubblica, le riforme del mercato del lavoro arrivate troppo tardi e infine la mancata programmazione della gestione pensionistica: queste le colpe di cui si sono macchiati, indistintamente, una buona parte della classe politica, elettori e soggetti coinvolti nel decision-making del sistema pensionistico.

Per questa ragione, seppur ad un primo impatto questa proposta potrebbe sembrare sensata, in realtà si tratta di una misura d’emergenza, che verrebbe comunque applicata.

Nessuno Stato può permettersi di avere milioni di cittadini indigenti, incapaci di provvedere a se stessi, e in un Paese come l’Italia, dove la pressione fiscale sfiora il 70 per cento, misure di welfare come la pensione sociale (o questa pensione “minima”) rappresentano l’unica soluzione possibile per evitare una guerra sociale.

Eppure centinaia di migliaia di giovani vorrebbero semplicemente vedersi riconosciuti i propri contributi, oggi versati e domani, probabilmente, buttati nel calderone Inps. L’attuale e futura condizione demografica, a meno di particolari riforme che prevedano un aumento ingente di immigrati, non consente di mantenere il sistema in equilibrio.

I soldi finiranno, e milioni di anziani “ex giovani” rischiano di trovarsi vittime di un’enorme truffa, perpetrata anche grazie alla complicità di alcuni sindacati e politici, che negli anni hanno impedito di realizzare riforme coraggiose e lungimiranti.

Se Elsa Fornero, ex ministro del Governo Monti, è diventata la paladina degli Under 30, c’è un motivo: sempre più giovani hanno compreso la necessità di adottare regole sui conti pubblici per poter promuovere la sostenibilità del Paese.

È necessario, oggi più che mai, che le parti sociali si impegnino ad individuare dei sistemi che permettano ai lavoratori più giovani di poter avere libertà di scelta sul versamento dei contributi.

Un sistema a capitalizzazione volontaria, ovvero che permetta al lavoratore di versare quanto desidera, per il tempo che vuole, al soggetto che sceglie (pubblico o privato), potrebbe instaurare una dinamica di mercato fruttuosa e virtuosa.

In questi sistemi, i fondi pensione, sotto la vigilanza dello Stato (come avviene ad esempio in Cile), competono per poter fornire i rendimenti più sicuri e fruttuosi. Si tratterebbe di una rivoluzione, con costi economici e costi sociali.

Ma il costo più grande, se non si interviene tempestivamente e in modo efficace, lo pagheranno i giovani o forse, lo stanno già pagando.

Leggi anche:

Il Capitalismo buono fa guadagnare: la lezione di Davos

Coronavirus, l’Italia che rifiuta la scienza e non investe in ricerca

Negli Usa un 17enne ha scoperto un pianeta. In Italia il sistema scuola è ancora fermo al fascismo

5.1k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.