Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

La farsa della Sanità in Calabria: tre commissari in dieci giorni. Se non ci fosse da piangere, ci sarebbe da ridere

Immagine di copertina

Quella di Gaudio è la terza nomina che salta negli ultimi dieci giorni: prima Cotticelli, già nominato da Conte nel 2018 e poi confermato nel 2019 e pochi giorni fa, poi Zuccatelli e infine anche Gaudio

“Mia moglie non ha intenzione di trasferirsi a Catanzaro. Un lavoro del genere va affrontato con il massimo impegno e non ho intenzione di aprire una crisi familiare”. Lo ha dichiarato a Repubblica l’ex rettore della Sapienza Eugenio Gaudio motivando così la decisione di dimettersi – a tempo di record – dall’incarico di commissario alla Sanità in Calabria.

Senza entrare nel merito delle rispettabilissime questioni familiari personali, è un balletto infinito quello che si sta tenendo intorno all’annosa questione della sanità calabrese, commissariata da oltre 10 anni e in un perenne scacco di interessi pubblici e privati. Un gioco a perdere per i cittadini calabresi che, va detto, meritano più di questo. Mentre il Covid affolla gli ospedali della regione e mette in ginocchio un sistema già disastrato, i calabresi sono lì che aspettano e assistono a quella che assume sempre più i contorni di una farsa.

Quella di Gaudio è la terza nomina che salta negli ultimi dieci giorni: prima Cotticelli, già nominato da Conte nel 2018 e poi confermato nel 2019 e pochi giorni fa, poi Zuccatelli e infine anche Gaudio. Poi hanno messo in mezzo Gino Strada che ha dovuto scrivere ben due comunicati per chiarire che lui “sì, è a disposizione, ma che nessuna richiesta era stata formalizzata”.

Nel frattempo i leoni da tastiera, il centro-destra e lo stesso Spirlì, governatore reggente dopo il decesso di Santelli, hanno avuto anche il tempo (e il coraggio) di dire che la Calabria non aveva bisogno di Strada: “La Calabria è una regione dell’Italia, con fior di professori: non ci servono medici missionari africani, non abbiamo bisogno di essere schiavizzati nella nostra sanità. Non abbiamo bisogno di geni che vengono dalle altre parti del mondo, men che meno del professore Strada”.

Se non fosse una vera tragedia, ci sarebbe da ridere. Ma in piena emergenza, con la Calabria senza Governatore dopo la tragica morte di Jole Santelli, la sanità resta commissariata dal Governo ma senza un commissario da ormai due settimane. Nel balletto dei commissari però, si sono dimenticati che c’è gente che attende di essere curata, persone e non numeri che hanno bisogno di assistenza. Con l’ultimo Dpcm la Calabria è stata inserita tra le Regioni in zona rossa, non per la quantità dei contagi, ma per la fragilità del suo sistema sanitario, con carenze di posti in terapia intensiva, tagli, debiti, sprechi e un commissariamento che va avanti da oltre 10 anni. Ora la regione si trova in ginocchio di fronte a un virus che rischia realmente di condurre a un disastro sanitario senza precedenti. Basta balletti.

Leggi anche: Esclusivo TPI – Calabria, la denuncia dell’ex primario: “Abbiamo un laboratorio per processare i tamponi, ma nessuno ci risponde”

1. “Se scoppia la Calabria è la fine. Qui il piano Covid mai attivato: realizzate solo 6 terapie intensive”: il racconto di un medico del 118 / 2. “La Calabria non è l’Africa, è peggio. Essere malati oncologici qui è un calvario”: il racconto di Fiorenza / 3. Calabria, il Governo non usi Gino Strada per nascondere i suoi vergognosi errori / 4. La Calabria ha bisogno di qualcuno senza scopi di lucro: proprio come Gino Strada / 5. Calabria, il presidente Spirlì: “Non abbiamo bisogno di Gino Strada”

6. Esclusivo: Cotticelli a TPI: “Davo fastidio alla massoneria. Volevano eliminarmi, non potendo uccidermi mi hanno screditato” / 7. Calabria, il commissario della Sanità Cotticelli si dimette: “Il piano Covid dovevo farlo io? Non lo sapevo” | VIDEO; / 8. Calabria, il nuovo commissario alla Sanità Zuccatelli: “Le mascherine non servono a un ca**o”

Ti potrebbe interessare
Esteri / L'obbedienza agli Usa non è una virtù: vuol dire essere succubi del capitalismo finanziario (di A. Di Battista)
Opinioni / Lo shwa e il linguaggio inclusivo: quella piccola “ǝ” che cerca di sovvertire secoli di sessismo della lingua italiana
Cronaca / La vigliaccheria degli anti-antirazzisti: criticano i calciatori inginocchiati ma non fanno nulla per contrastare l’odio
Ti potrebbe interessare
Esteri / L'obbedienza agli Usa non è una virtù: vuol dire essere succubi del capitalismo finanziario (di A. Di Battista)
Opinioni / Lo shwa e il linguaggio inclusivo: quella piccola “ǝ” che cerca di sovvertire secoli di sessismo della lingua italiana
Cronaca / La vigliaccheria degli anti-antirazzisti: criticano i calciatori inginocchiati ma non fanno nulla per contrastare l’odio
Opinioni / Lo chiamano Celebrity Hunted ma (ogni tanto) sembra Pechino Express
Opinioni / Il più grande spettacolo dopo il Big Bang. Sui vaccini cambiano idea ogni giorno e non si capisce nulla
Economia / Adil e Luana, vittime dei “nuovi” caporali del Covid (di Luca Telese)
Opinioni / Calenda, Renzi e la vile tattica degli attacchi (personali) a Bettini
Calcio / Il catenaccio: cosa racconta di noi lo schema tipico del calcio italiano (di S. Mentana)
Opinioni / Gaia Tortora azzanna i giudici, ma coccola Berlusconi e Salvini (di Riccardo Bocca)
Opinioni / L’Istat calcola 5,6 milioni di poveri. Ma per certi politici e imprenditori i sussidi sono roba per fannulloni