Coronavirus, non fatevi impressionare dai numeri: quando Zingaretti guarirà capiremo che è una malattia gestibile

Contrarre il virus non significa necessariamente ammalarsi: Zingaretti alla fine guarirà e il coronavirus diventerà nel nostro immaginario una malattia da cui si guarisce, non la nuova peste del terzo millennio

Di Luca Telese
Pubblicato il 7 Mar. 2020 alle 17:14 Aggiornato il 9 Mar. 2020 alle 13:55
425

Coronavirus, Zingaretti positivo ci farà capire che l’epidemia è gestibile

Forse il “caso Zingaretti” non è l’ultimo punto della caduta, ma il primo passo con cui usciremo dal tunnel del Coronavirus. Pensateci anche solo per un attimo: il “primo malato d’Italia”, almeno finché non succede nulla – tocchiamo ferro – a Giuseppe Conte e a Sergio Mattarella, diventa immediatamente un reality mediatico. E infatti sono già partiti i tam tam da Corona bar: come era nel video? Avete notato differenze? Sorrideva? Ha detto che ha la febbre o solo che ce l’ha anche lui?

Ma questo è anche il più importante dei decorsi che ci sia capitato: se guarisce lui, guariremo tutti, almeno in potenza. Perché potrebbe essere proprio la storia di un simbolo del potere, la sua “passione”di malato, l’unico modo per spiegare al Paese quello fino ad oggi che non siamo ancora riusciti a capire, compressi fra notiziari angoscianti e reportage negli ospedali. Contrarre il virus non significa necessariamente ammalarsi, ammalarsi – a parte il 2,5 per cento dei casi – significa quasi sempre guarire.

Zingaretti è un 55enne, non è nelle casistiche dei potenziali malati a rischio, starà in quarantena cautelativa come tanti, prosciugherà una montagna di gigabyte, ma alla fine guarirà, e quando questo accadrà, mediaticamente, il coronavirus diventerà nel nostro immaginario una malattia da cui si guarisce, non la nuova peste del terzo millennio. Prendetelo come un segno, o come un test, e anche come una prova generale della teledemocrazia. Oppure – più semplicemente – come una telenovela, però di quelle che hanno un lieto fine edificante.

Ps.

Ovviamente, se finisce così, sono pronto a scommettere che Zinga farà il pieno di simpatie, e forse crescerà anche di consensi nel nuovo enorme contenitore elettorale che si è aperto: il popolo della zona rossa.

Leggi anche:

1. Coronavirus, il mistero del numero di tamponi effettuati in Europa: molti Paesi non forniscono i dati / 2. Coronavirus, agente della scorta di Salvini positivo / 3. Coronavirus, se non ci fosse la sanità privata il sistema collasserebbe: questi dati lo dimostrano (di E. Serafini)

4. “Coronavirus, il tempo sta per scadere: ecco qual è la vera emergenza secondo i dati” / 5. Coronavirus: basta con le mezze misure, fermiamoci tutti. Il nord Italia stia in quarantena modello Wuhan / 6. Allarmismo da Coronavirus? Lasciate perdere i giornali, la colpa è delle istituzioni (di G. Gambino)

7. Serve un piano Marshall per l’economia, o l’Italia morirà di depressione da Coronavirus (di L. Telese) / 8. Coronavirus, i sindaci leghisti irresponsabili che se ne fregano delle misure anti-contagio (di S. Lucarelli) / 9. Sempre più politici hanno il coronavirus: ecco perché e cosa ci raccontano i casi di Zingaretti e degli altri

425
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.