Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:47
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

La vergogna del dirigente di Confindustria che vuole speculare sul Coronavirus (e sugli operai italiani)

Credit: Pixabay

Coronavirus, la vergogna del dirigente Confindustria che vuole specularci

Che colore hanno gli sciacalli? Sono grigi. Sono grigi come il semi-buio di chi trova opportunità anche nelle tragedie. Ma non sono mica possibilità di uscirne, no, sono il tentativo maldestro di monetizzare la paura. Così capita che il vicepresidente di Confindustria Centro Adriatico, Giampietro Melchiorri, abbia il coraggio di scrivere cose così: Bisogna trasformare la paura in coraggio, limprevisto in opportunità. Lemergenza coronavirus cambierà, per i prossimi mesi, il mercato mondiale. La Cina, al momento, non ha ripreso la sua normale attività. Fa impressione vedere le strade di metropoli cinque volte più grandi di Roma quasi deserte. Questo, però, significa anche blocco delle produzioni e difficoltà nel reperire materie prime”.

La Cina (ma il discorso vale per tutti quelli che si trovano e si troveranno in difficoltà) in pratica non è qualcuno da aiutare ma qualcosa da sostituire nel quadro generale di un mondo che vale per il fatturato che crea, un mondo senza persone, senza fragilità, solo numeri da buttare dentro qualche bilancio.

La preoccupazione del vicepresidente Confindustria Centro Adriatico è quella di “farci trovare pronti per trasformare limprevisto in opportunità”. “Quello che oggi la Cina non è in grado di garantire, per stare al settore monda, ai brand, alle griffe, chi lo produrrà? Noi siamo il primo Paese manifatturiero. E allinterno dellItalia il nostro distretto ha capacità non replicabili”, dice Melchiorri. “Il problema è che costiamo troppo. Se questo in una situazione mondiale è un limite, ma anche la nostra forza perché produciamo prodotti unici certificati dal made in Italy, in un quadro di emergenza può essere un problema”.

Chiaro? Ora bisogna solo riuscire a costare più o meno come i cinesi per potere fottere i cinesi, ora che cominciano a vacillare. E quindi quale sarebbe la soluzione? Per Melchiorri “serve una misura mirata per almeno sei mesi: uno stanziamento di risorse ingente, 100 milioni di euro, che permetta al settore pelli e calzature, quello per cui è poi è stata definita larea di crisi complessa, di tagliare il costo del lavoro. Diventeremmo competitivi sul prezzo e giocando ad armi pari potremo far emergere le nostre capacità”.

Chiaro? E l’etica?, vi domanderete: no l’etica costa troppo, per ora, lasciamo perdere.

Questo video mostra cosa pensano davvero i russi di Putin

Leggi anche:

Le dichiarazioni shock del vicepresidente di Confindustria Centro Adriatico: “Coronavirus? Approfittiamone. Ma dobbiamo abbassare il costo del lavoro”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Bambino di 4 anni caduto dal balcone a Napoli, il domestico: “L’ho lasciato cadere”
Cronaca / 2.407 nuovi casi e 44 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2%
Cronaca / Frosinone, detenuto spara ad altri tre reclusi: “La pistola arrivata in carcere con un drone”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Bambino di 4 anni caduto dal balcone a Napoli, il domestico: “L’ho lasciato cadere”
Cronaca / 2.407 nuovi casi e 44 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2%
Cronaca / Frosinone, detenuto spara ad altri tre reclusi: “La pistola arrivata in carcere con un drone”
Cronaca / Vaccini, iniziata la somministrazione della terza dose per soggetti fragili e a rischio
Cronaca / L’Earth Technology Expo a Firenze dal 13 al 16 ottobre
Cronaca / Gkn, accolto il ricorso Fiom: il giudice blocca i licenziamenti per 422 dipendenti
Cronaca / Droga: spaccio a Catania, coinvolti anche bambini di 10 anni
Cronaca / Morte Luana D’Orazio, la perizia della procura: “L’orditoio era stato manomesso”
Cronaca / 3.838 nuovi casi e 26 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,4%
Cronaca / Referendum contro il green pass, parte la raccolta firme