Fontana, almeno risparmiaci la beffa della mascherina per runner e ciclisti (di Lorenzo Zacchetti)

Da lunedì è possibile fare sport anche lontano da casa, basta che si mantengano due metri di distanza dal prossimo. Ma in Lombardia permane l'obbligo di coprirsi naso e bocca quando si esce: un obbligo inutile e persino pericoloso per chi si allena

Di Lorenzo Zacchetti
Pubblicato il 2 Mag. 2020 alle 14:42
521
Immagine di copertina
Credit: Pixabay

Certamente non è il pasticcio più grosso che Regione Lombardia ha combinato in questa lunga ed estenuante emergenza sanitaria, anzi. Tuttavia, è piuttosto fastidioso. Il combinato disposto del Dpcm di Conte, che da lunedì 4 maggio liberalizza gli sport individuali anche lontano da casa, purché mantenendo due metri di distanza dagli altri, e della nuova ordinanza di Fontana, che conferma l’obbligo di mascherina ogni volta che un lombardo esce di casa produce un risultato chiaro: chi va a correre o ad allenarsi in bicicletta deve indossare la mascherina, cosa non solo fastidiosa, ma persino pericolosa per la salute.

Saranno molte le cose che dovremo discutere con chi ha amministrato la Lombardia, una volta fuori dal tunnel, ma almeno su questa piccola cosa speriamo si possa introdurre un correttivo di buon senso in corso d’opera. A meno che non si voglia ulteriormente vessare chi fa sport amatoriale e oltretutto senza alcuna utilità: a due metri di distanza dal prossimo la mascherina non serve. Almeno su questo, anche le più disparate interpretazioni degli scienziati paiono convergere.

Leggi anche: 1. “La Lombardia è pronta a ripartire”: l’ennesimo spot (pagato dai cittadini) per nascondere i fallimenti del modello lombardo (di L. Tosa) / 2. Il grande flop dell’ospedale Covid-19 a Milano Fiera: costato 21 milioni, ospita 3 pazienti / 3. Regione Lombardia: via alla commissione d’inchiesta, forti perplessità sui mezzi pubblici

521
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.