Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:23
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » News

Venezuela: Conte vuole allinearsi all’Ue, ma i 5 Stelle si oppongono

Immagine di copertina

Pesano le divisioni tra Lega e Movimento 5 Stelle in politica internazionale

Mentre i primi paesi europei hanno iniziato a prendere posizione a favore di Juan Guaidò [qui il profilo] e contro il presidente Maduro, il governo italiano continua a non prendere una posizione decisa a causa dei dissidi interni.

Mentre la Lega, nella figura del ministro dell’Interno Salvini e del sottosegretario agli Esteri Picchi, chiede che l’Italia si schieri contro il capo di Stato venezuelano accusato di essere un dittatore, i 5 Stelle proseguono sulla linea filo-Maduro. Anche se con toni meno espliciti.

Leggi anche: Il governo diviso anche sul Venezuela: la Lega sostiene Guaidò (insieme a Macron), i 5 Stelle elogiano Putin

La divisione tra gli alleati di governo, come rivela Repubblica, ha messo in difficoltà il premier Conte e il ministro degli Esteri Moavero Milanesi. Entrambi infatti vorrebbero prendere posizione contro Maduro, seguendo l’esempio di Germania, Francia, Spagna e Unione europea.

I tre paesi hanno lanciato un ultimatum al capo di Stato venezuelano: “elezioni entro otto giorni o riconosciamo Guaidò come presidente”  (qui tutti gli aggiornamenti).

Le divisioni tra Lega e M5S –Alessandro Di Battista ha preso posizione in favore della sovranità popolare e  contro il leader dell’opposizione, affermando che il Venezuela rischia di diventare come la Libia, dove dopo 8 anni regna ancora il caos.

Stesso invito a rispettare il principio di non ingerenza è il sottosegretario agli Esteri in quota 5 Stelle: “Qualsiasi cambiamento deve avvenire in un contesto politico, democratico e non violento”.

Diverso invece il parere di Salvini, che torna all’attacco sui social: “Francia e Germania hanno fatto bene a imporre un ultimatum a Maduro, che sta piegando con la violenza e con la fame un popolo e lo dico perché ci sono anche tanti italiani in Venezuela che stanno soffrendo”.

“Spero che anche il governo italiano abbandoni ogni prudenza e sostenga il popolo venezuelano e il suo diritto a libere elezioni e alla democrazia”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Almeno 17 morti in un raid di Israele sul campo profughi di Nuseirat”
Esteri / Netanyahu scioglie il gabinetto di guerra dopo l’uscita di Gantz, bombe su Gaza: almeno 6 morti
Esteri / Esplode un blindato a Rafah, muoiono 8 soldati israeliani
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Almeno 17 morti in un raid di Israele sul campo profughi di Nuseirat”
Esteri / Netanyahu scioglie il gabinetto di guerra dopo l’uscita di Gantz, bombe su Gaza: almeno 6 morti
Esteri / Esplode un blindato a Rafah, muoiono 8 soldati israeliani
Esteri / Il G7 annuncia un prestito da 50 miliardi di dollari all’Ucraina ma l’Europa (e l’Italia) rischia di restare con il cerino in mano
Esteri / Il piano di pace di Putin: "Kiev si ritiri da 4 regioni e rinunci ad aderire alla Nato". Secco no da Usa e Stoltenberg
Esteri / L’incredibile storia dell’ospite indesiderato del New Yorker Hotel
Esteri / Da Gaza a Taiwan, Francesco Maringiò a TPI: “Vi spiego com’è il mondo visto dalla Cina”
Esteri / Reportage TPI: Belfast è lo specchio del conflitto in Medio Oriente
Esteri / L’eterno conflitto tra Israele e Palestina in Medio Oriente
Esteri / Nessuno vuole davvero scaricare Putin: il sospetto di Zelensky che spaventa gli Usa