Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 17:42
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Venezuela: Conte vuole allinearsi all’Ue, ma i 5 Stelle si oppongono

Immagine di copertina

Pesano le divisioni tra Lega e Movimento 5 Stelle in politica internazionale

Mentre i primi paesi europei hanno iniziato a prendere posizione a favore di Juan Guaidò [qui il profilo] e contro il presidente Maduro, il governo italiano continua a non prendere una posizione decisa a causa dei dissidi interni.

Mentre la Lega, nella figura del ministro dell’Interno Salvini e del sottosegretario agli Esteri Picchi, chiede che l’Italia si schieri contro il capo di Stato venezuelano accusato di essere un dittatore, i 5 Stelle proseguono sulla linea filo-Maduro. Anche se con toni meno espliciti.

Leggi anche: Il governo diviso anche sul Venezuela: la Lega sostiene Guaidò (insieme a Macron), i 5 Stelle elogiano Putin

La divisione tra gli alleati di governo, come rivela Repubblica, ha messo in difficoltà il premier Conte e il ministro degli Esteri Moavero Milanesi. Entrambi infatti vorrebbero prendere posizione contro Maduro, seguendo l’esempio di Germania, Francia, Spagna e Unione europea.

I tre paesi hanno lanciato un ultimatum al capo di Stato venezuelano: “elezioni entro otto giorni o riconosciamo Guaidò come presidente”  (qui tutti gli aggiornamenti).

Le divisioni tra Lega e M5S –Alessandro Di Battista ha preso posizione in favore della sovranità popolare e  contro il leader dell’opposizione, affermando che il Venezuela rischia di diventare come la Libia, dove dopo 8 anni regna ancora il caos.

Stesso invito a rispettare il principio di non ingerenza è il sottosegretario agli Esteri in quota 5 Stelle: “Qualsiasi cambiamento deve avvenire in un contesto politico, democratico e non violento”.

Diverso invece il parere di Salvini, che torna all’attacco sui social: “Francia e Germania hanno fatto bene a imporre un ultimatum a Maduro, che sta piegando con la violenza e con la fame un popolo e lo dico perché ci sono anche tanti italiani in Venezuela che stanno soffrendo”.

“Spero che anche il governo italiano abbandoni ogni prudenza e sostenga il popolo venezuelano e il suo diritto a libere elezioni e alla democrazia”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane
Esteri / Dalla conversione all’Islam ai precedenti: chi è l’attentatore di Kongsberg armato di arco e frecce