Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Il piano di Di Maio: voto di fiducia sulla mini-Tav per vincere la partita con la Lega

Immagine di copertina
Luigi Di Maio e Matteo Salvini

Sulla Tav è stato trovato un compromesso: i bandi partono, ma non sono vincolanti e l’opera può essere ancora ridiscussa.

Il governo ha preso tempo scongiurando la crisi, ma il redde rationem arriverà e Di Maio non vuole farsi trovare impreparato.

Il ministro del Lavoro, come riporta Repubblica, sta approntando una strategia per uscire vincitore, o almeno non del tutto perdente, dalla battaglia con Salvini sulla Torino-Lione.

Detto che il tunnel di base dev’essere fatto, i Cinque Stelle potrebbero strappare un accordo per la cosiddetta “mini-Tav”, con una sostanziale revisione dell’opera nel tratto italiano, senza andare a toccare quello francese.

Al momento questo sembra l’unico compromesso accettabile da entrambe le parti. Il blocco totale dell’opera non è una strada percorribile, e questo lo sa anche Di Maio.

Ma cosa succederebbe se la Lega dicesse no anche alla mini-Tav? Se si andasse alla conta in parlamento, come auspicato dal leghista Giancarlo Giorgetti, il Carroccio avrebbe gioco facile.

LeU a parte, tutti partiti di opposizione sono favorevoli all’opera. Il piano di Di Maio, spalleggiato da Conte, sarebbe quindi quello di mettere la fiducia sul progetto di mini-Tav.

Come riporta Repubblica, Conte avrebbe assicurato a Di Maio di essere pronto a seguire questa strada: “Sarebbe la Lega, allora, ad assumersi la responsabilità di votare con le opposizioni e far cadere il governo”, scrive Tommaso Ciriaco.

“Per far accettare questa nuova svolta, Di Maio è pronto nelle prossime settimane a drammatizzare nuovamente il dossier dell’Alta velocità, per poi sposare l’accordo di Conte sulla ‘mini Tav’ come l’ultima spiaggia dell’esecutivo. Non è però detto che l’operazione vada in porto”.

Insomma, il rinvio per il momento ha calmato le acque, ma la partita è destinata a riaprirsi presto, e Di Maio deve trovare una scappatoia per ridiscutere almeno in parte un’opera che non si può bloccare del tutto.

La base pentastellata accetterà questo ennesimo compromesso?

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI