Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 14:42
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Terremoto nella notte in Emilia Romagna: scuole chiuse a Ravenna

Immagine di copertina

Il sisma è stato avvertito anche a Ferrara e a Bologna, e a Rovigo, in Veneto, a Fano e a Pesaro nelle Marche

Nella notte del 15 gennaio 2019 si è registrato un terremoto di magnitudo 4.6 in Emilia Romagna, in zona di Cesena e Forlì: l’epicentro è stato registrato a 11 chilometri a est di Ravenna, a una profondità di 25 chilometri e la scossa è stata avvertita anche in Veneto.

Alla prima scossa ha fatto seguito uno sciame sismico proseguito per più di un’ora. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia ha infatti rilevato altre cinque scosse nel corso della notte: la prima di magnitudo 2.1 alle 00:17, la seconda di magnitudo 3.0 a 00:29, mentre la scossa più forte si è registrata all’1.45 con magnitudo 2.2, seguita alle 4:44 da una di magnitudo 2.0 e alle 4:57 da un’ultima sempre di magnitudo 2.0.

Il sisma è stato avvertito anche a Ferrara e a Bologna, e a Rovigo, in Veneto, a Fano e a Pesaro nelle Marche.

Il sindaco di Ravenna, Michele de Pascale ha convocato il centro operativo comunale subito dopo il terremoto: il Comune ha fatto sapere che sono stati segnalati danni di lieve entità e ha disposto la chiusura delle scuole in via precauzionale. Il Comune di Cervia ha avviato, sempre in via cautelativa, sopralluoghi in tutte le scuole comunali.

Il messaggio del sindaco di Ravenna – “Abbiamo ponderato, ma abbiamo preso la decisione di chiudere tutte le scuole di ogni ordine e grado, dagli asili nidi all’università. Questo perché l’evento sismico è stato di una gravità importante”, ha detto in un videomessaggio il sindaco di Ravenna. “E perché prima di far entrare i nostri bambini e i nostri ragazzi all’interno delle nostre scuole vogliamo avere la certezza che vengano fatti tutti i controlli necessari a far sì che siano in totale e assoluta sicurezza”.

“Sappiamo che questa decisione può creare qualche disagio nelle famiglie, qualche difficoltà a conciliare il lavoro e il fatto di avere i figli a casa, però la loro sicurezza e incolumità vengono prima di qualsiasi disagio. Vi chiediamo comprensione, queste sono le ragioni che ci hanno portato a operare questa scelta. Eseguiti tutti i controlli daremo puntuali informazioni sull’esito e sullo stato di tutti i principali edifici del nostro territorio”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI