A San Ferdinando un bracciante è morto carbonizzato in una tenda dello Stato, ma nessuno si scandalizza

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 22 Mar. 2019 alle 14:36 Aggiornato il 22 Mar. 2019 alle 14:38
0
Immagine di copertina

Si chiamava Sylla Noumo, aveva 32 anni, ed era originario del Senegal. È lui il migrante morto carbonizzato nella notte tra il 21 e il 22 marzo nella nuova tendopoli di San Ferdinando.

“Per ogni migrante abbiamo stabilito un posto dove andare, in parte nella nuova tendopoli, nella maggior parte nei Cas e negli Sprar. L’obiettivo più importante, cioè di superare la baraccopoli, un’idea evocata da tanti, si sta pacificamente e serenamente realizzando. Questo è sotto gli occhi di tutti”, lo diceva il prefetto di Reggio Calabria, Michele di Bari, nel giorno dello sgombero della vecchia tendopoli, a inizio marzo 2019.

Uno sgombero che doveva servire per smantellare una situazione di disagio e di rischio per i tanti braccianti stipati tra baracche di fortuna e sfruttati nei campi ortofrutticoli della piana di Gioia Tauro.

Leggi anche: “Gli italiani stanno mangiando pomodori intrisi del sangue delle vittime di caporalato”

La baraccopoli era stata sgomberata meno di due settimane fa in seguito alla morte di Moussa Ba, senegalese di 29 anni, anche in quel caso per un incendio divampato nell’accampamento.

Ma si moriva nella vecchia baraccopoli e si muore nella nuova tendopoli, dopo uno sgobero voluto e attuato per far sì che fatti così gravi non potessero più accadere.

E invece il fuoco divampa ancora, la sicurezza – tra le tende che portano a caratteri cubitali la scritta “ministero dell’Interno” – è ancora un ideale lontano.

Al blu di quelle tende, che a detta della Prefettura dovevano essere ignifughe, si alterna la voragine nera che ha divorato il corpo di Sylla Noumo.

Il trentaduenne era stato trasferito nella nuova struttura a seguito dell’abbattimento della baraccopoli. Il cadavere completamente carbonizzato di Sylla Noumo è stato rimosso e la bara è stata posta all’interno di un mezzo funebre e portata all’esterno della struttura da dove sarà condotta in obitorio.

Un centinaio circa di migranti, ospitati nella nuova tendopoli, si sono raccolti in silenzio ponendo le loro mani sopra al mezzo funebre quasi come per accompagnarne l’addio.

Al 5 marzo scorso, la presenza stimata di immigrati nella baraccopoli era di 1.592 persone. Di queste, 200 sono state trasferite negli ex Sprar e Cas, circa 460 si sono spostate volontariamente e 900 hanno trovato sistemazione nella tendopoli che era vigilata e attrezzata.

Come spiegano dal collettivo Mamadou – che segue e monitora la situazione all’interno del ghetto e fuori – polizia e vigili del fuoco presidiano la nuova tendopoli, eppure non si è riusciti a impedire una nuova tragedia, che appare ancora più grave poiché consumatasi un luogo allestito e voluto dalle istituzioni.

“Nell’area ci sono 848 persone in uno spazio che potrebbe ospitarne 400. Quanto accaduto era prevedibile. La protezione civile è scomparsa dopo aver inizialmente distribuito dei pasti. Quando hanno montato le tende, hanno detto che erano ignifughe. Il precedente sgombero non è servito per trovar la casa a questi ragazzi ma per spostarli di 50 metri”, commentano a TPI dal collettivo.

“Siamo addolorati per la morte di una persona a San Ferdinando: se fosse successo nella baraccopoli abusiva il bilancio poteva essere ben più pesante”, ha nel frattempo dichairato il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Eppure una tragedia si è ugualmente consumata, lì dove non doveva accadere.

Questa mattina il prefetto di Reggio Calabria ha convocato a San Ferdinando il Comitato per la Sicurezza, alla presenza del procuratore di Palmi.

“Teniamo alta l’attenzione: al Comune di San Ferdinando abbiamo appena riconosciuto 350mila euro per gestire la situazione post-sgombero. L’auspicio è incrementare sempre di più controlli, legalità e assistenza per evitare sfruttamento, degrado e tragedie”, ha aggiunto Salvini.

Più volte la baraccopoli è stata teatro di incendi scatenati dai fuochi accesi per scaldarsi durante la notte o per dolo, come avvenne il 27 gennaio 2018 quando perse le vita una 26enne nigeriana, Becky Moses, vittima di un incendio doloso che portò anche al fermo di una donna straniera che avrebbe agito per gelosia. Il 2 dicembre 2018 toccò a Surawa Jaith, un gambiano che non aveva ancora compiuto 18 anni. Il 16 febbraio scorso la morte di Moussa Ba, un senegalese di 29 anni.

Questa volta sembra l’origine dell’incendio non sia legata a fuochi accesi per il freddo, ma si tratti di un corto circuito. La scientifica è sul posto per accertamenti.

“Lo sgobero del 2019 è sempre legato ai morti negli ultimi 11 mesi. Adesso lì ci sono 850 persone. Le condizioni di vita sono impensabili: hanno creato questa nuova area riducendo lo spazio vitale”, spiegano dal collettivo.

“L’impressione è che ci siano più attori intenzionati a mantenere lo status quo: far raccogliere le arance in condizioni di necessità e ricatto”.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.