Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 20:16
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Salvini: “Con Di Maio non ci parliamo più. Ma il Governo non cade”

Immagine di copertina
Il vicepremier Matteo Salvini. Credit: Michele Spatari/NurPhoto)

Il vicepremier leghista parla a poche ore dal Consiglio dei ministri che dovrà fare chiarezza sul decreto fiscale

Sabato 20 ottobre 2018 è in programma un attesa riunione del Consiglio dei ministri che dovrà fare chiarezza sulle norme contenute nel decreto fiscale collegato alla manovra, dopo le polemiche tra i due vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini.

Poche ore prima del vertice Salvini ha rilasciato alcune dichiarazioni che lasciano trapelare quanto i rapporti tra Lega e Movimento Cinque Stelle siano tesi.

“Conte ha la mia stima e ha sempre ragione, l’unica cosa è che stavolta chiederò che quando lui leggerà il decreto e Di Maio prenderà nota, una copia la voglio anche io. Altrimenti poi non vorrei che si ricominciasse da capo. È un fraintendimento, un misunderstanding”, ha detto il leader leghista a margine del Forum della Coldiretti a Cernobbio, in provincia di Como.

Salvini ha anche rilasciato un’intervista al Corriere della Sera in cui dice di aver smesso di parlare con Di Maio.

“Noi facciamo riunioni su riunioni, arriviamo a saldi sostenibili, con grande lavoro mettiamo a punto il decreto e tutti lo approvano. A quel punto, io vado a Mosca al convegno di Confindustria. Addirittura, il povero Conte, un galantuomo a cui va tutta la mia stima, è a Bruxelles a difendere la manovra da quelli che ci vogliono male. Proprio nello stesso momento, c’è qualcuno che va in televisione a parlare di manine misteriose, a dire che sulla manovra c’è il trucco, che andrà in procura… Il problema è che intanto lo spread va a 340″, ha dichiarato il vicepremier.

Salvini ha poi nuovamente ricostruito come sono andate le cose nel Consiglio dei ministri che il 15 ottobre aveva definito il decreto fiscale.

“Io ero nel mezzo e da una parte c’era il premier Conte che leggeva il decreto, dall’altra il vicepremier Di Maio che scriveva. E quel verbale esiste, è a Palazzo Chigi. E allora, i casi sono due: o qualcuno non ha capito, o qualcuno ha cambiato idea”, ha riferito.

Salvini ha tuttavia allontanato l’ipotesi di una crisi di governo.

“Io continuo a sperare di lavorare per l’Italia nei prossimi 5 anni. Ho conosciuto Di Maio come persona corretta e coerente , lui era seduto di fianco a me quando il decreto è stato approvato. Io non ho parlato. Ora, che cosa dovremmo fare? Lo dicano loro. A meno ch non siano altri che vogliono far cadere il governo. Noi, a partire dall’Europa, abbiamo tutti contro. Se vogliamo dare questa soddisfazione…”, ha sottolineato nell’intervista al Corriere della Sera.

“Lo dirò a Di Maio e lo dirò a Conte, che stimo entrambi, che abbiamo cosi tanti avversari fuori che sono interessati ad avere un’Italia precaria, in ginocchio e serva anche sui temi agricoli, un’Italia che apre il mercato alle schifezze che arrivano dall’altra parte del mondo perdendo salute e lavoro. Dentro dobbiamo andare d’accordo, abbiamo il diritto e dovere di andare d’accordo, io condizioni non ne pongo, visto che gli altri sono molto attenti giustamente come lo sono io”, ha aggiunto il leader della Lega a Cernobbio.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI