Covid ultime 24h
casi +18.916
deceduti +280
tamponi +323.047
terapie intensive +22

Reddito cittadinanza, nel giorno del via il primo ricorso davanti al giudice di un cittadino straniero

Di Futura D'Aprile
Pubblicato il 6 Mar. 2019 alle 14:16
0
Immagine di copertina

Il 6 marzo 2019 sono partite le domande per richiedere il Reddito di cittadinanza, cavallo di battaglia del Movimento 5 Stelle, e anche i ricorsi contro la misura pentastellata.

> Tutti i documenti da presentare per richiedere il RdC

L’avvocato Alberto Guariso dell’Associazione studi giuridici sull’immigrazione (Asgi) ha infatti annunciato che in un paio di mesi saranno depositati i primi ricorsi.

L’obiettivo è sollevare l’eccezione di incostituzionalità della legge sul Reddito di cittadinanza, che nella sua forma attuale penalizzerebbe gli stranieri che si trovano in Italia da lungo tempo.

Come si legge nel comunicato pubblicato da Asgi sul sito ufficiale dell’Associazione, “nel testo trasmesso dal Senato è contenuto l’emendamento Lodi, cioè quello che prevede l’obbligo per i cittadini di paesi extra Ue di produrre documentazione del paese di origine tradotta e legalizzata dall’autorità consolare italiana nel predetto paese, che attesti la composizione del nucleo familiare e la situazione reddituale e patrimoniale nel paese di origine.

> Le famiglie straniere di Lodi contro il comune: “Vi raccontiamo l’assurda discriminazione che subiscono i nostri figli”

Dopo l’introduzione del requisito dei 10 anni di residenza e della limitazione ai soli stranieri titolari di permesso di lungo periodo si tratta di una ulteriore misura volta a ridurre a livelli minimi l’accesso degli stranieri al reddito di cittadinanza”.

La richiesta di Asgi è che si intervenga immediatamente perché l’emendamento Lodi sia soppresso “e si torni, su questo punto, alla versione originaria del decreto legge che non prevedeva oneri documentali differenziati per italiani e stranieri”.

> Reddito di cittadinanza 2019 stranieri: requisiti, domanda e tutte le novità

L’Associazione inoltre “invita le organizzazioni sindacali e i Caf che ad esse fanno riferimento, qualora l’emendamento dovesse trovare conferma, a ricevere le domande degli stranieri e a trasmetterle all’Inps indipendentemente dalla presenza di documentazione aggiuntiva rispetto all’Isee, lasciando all’Inps l’onere di una scelta discriminatoria che vedrebbe inevitabilmente il moltiplicarsi delle azioni giudiziarie contro questa palese ingiustizia”.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.