Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 10:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Il procuratore di Lecce: “Ogni tiro di cocaina e ogni canna fumata alimentano le ricchezze della criminalità organizzata”

Immagine di copertina

Leonardo Leone de Castris, procuratore della Repubblica di Lecce, ha rivolto un duro monito ai consumatori di sostanze stupefacenti per il sostegno economico che essi danno alle mafie

Il 25 luglio 2018 è stato trovato sulla strada provinciale che collega Ugento a Melissano, nel Salento, il corpo di un giovane del luogo di 22 anni, Francesco Fasano, raggiunto da un colpo di pistola alla testa.

Si tratta del secondo omicidio in pochi mesi nella zona. Nel marzo scorso, infatti, il 27enne Manuele Cesari, pregiudicato di Melissano, era morto dopo essere stato raggiunto da tre colpi di pistola.

A seguito dell’esecuzione di Francesco Fasano, il 26 luglio sono state fermate due persone, sospettate di essere i killer del giovane. Si tratta di Angelo Rizzo, di 23 anni, e di Daniele Manni, di 34 anni, entrambi di Melissano.

Nella stessa indagine, coordinata dal procuratore aggiunto della Dda di Lecce, Guglielmo Cataldi e dal sostituto procuratore Stefania Mininni, sono indagate altre otto persone, tutte sottoposte a fermo di polizia giudiziaria con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti.

Il procuratore della Repubblica di Lecce, Leonardo Leone de Castris, sottolineando il rapido sviluppo delle indagini sull’omicidio del 22enne, ha rivolto un duro monito ai consumatori di sostanze stupefacenti per il sostegno economico che essi danno alla criminalità attraverso l’acquisto della droga.

“Lo Stato è presente più che mai sul territorio e aumenterà ulteriormente la sua pressione su ogni forma di illegalità e per ciò che attiene al traffico e al consumo di stupefacenti non smetterò di ricordare, e parlo alle decine di migliaia di soggetti di ogni età e classe sociale che quotidianamente assumono cocaina e marijuana sul territorio, e ovviamente in estate con il massimo afflusso turistico il fenomeno è ancora più preoccupante, che ogni tiro di cocaina, ogni canna fumata alimentano le ricchezze della criminalità organizzata, così come ogni euro speso finisce nelle tasche dei mafiosi”, ha detto il procuratore.

“Se non si ha il coraggio di riconoscere questa verità, se si continua ad alimentare, anche episodicamente il consumo di stupefacenti, così creando obiettivo intralcio al contrasto che le istituzioni nel loro insieme rivolgono alla criminalità organizzata, non si ha alcun titolo per lamentarsi della escalation di furti e rapine, fenomeni criminali di ogni tipo, o ancora indignarsi per l’occupazione da parte della criminalità di interi settori della realtà economica della zona, che pure con impegno e fatica la magistratura e le forze dell’ordine continuano a contrastare”, le parole di de Castris.

“Le indagini sono state immediate e si sono protratte dai minuti successivi al delitto fino alla tarda serata di ieri, quando i magistrati di questo ufficio hanno redatto il provvedimento di fermo”, ha detto il magistrato in merito ai fermi per l’omicidio di Fasano.

“Al procuratore aggiunto e ai due sostituti impegnati, così come all’intero personale del Nucleo investigativo dei carabinieri di Lecce e della compagnia di Casarano, va il mio personale ringraziamento per l’impegno profuso e il brillante risultato raggiunto”.

Il procuratore de Castris, ha confermato quanto già era trapelato nelle scorse ore circa il movente dell’omicidio, probabilmente legato ai contrasti per la gestione del traffico di stupefacenti nella zona di Melissano: “Le evidenze indicano che la causale dell’omicidio va ancora una volta ricercata nel traffico organizzato di stupefacenti e nelle controversie relative alla spartizione dei territori di influenza, che da tempo costituisce il ‘core business’ della criminalità organizzata salentina, così come anche dimostrato dalle decine di tonnellate di stupefacente sequestrate nell’anno in corso”.

Leggi anche: I dati sull’uso delle droghe in Europa e in Italia

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI