Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 22:52
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Primarie Pd 3 marzo 2019: dove si vota per il segretario del partito

Immagine di copertina

PRIMARIE PD 3 MARZO DOVE SI VOTA – Il 3 marzo 2019 è il giorno in cui il Partito Democratico elegge il nuovo segretario. Ma dove si vota?

Prima di tutto, le urne sono aperte ininterrottamente dalle 8 alle 20 e sono aperte a tutti gli elettori/elettrici che intendono sostenere il partito nelle prossime elezioni.

Dove si vota? Per esprimere la preferenza, bisogna presentarsi al proprio seggio di riferimento obbligatoriamente muniti di documento di identità e tessera elettorale (altrimenti non vi sarà permesso votare). Per trovare il vostro seggio, potete consultare questo link dove dovrete inserire il comune di residenza e la sezione elettorale di riferimento.

SEGUI A QUESTO LINK LA DIRETTA CON TUTTI GLI AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE DELLE PRIMARIE PD 2019

Come si vota? Una volta giunti al seggio elettorale e aver mostrato il documento di riconoscimento, bisognerà versare un contributo simbolico di 2 euro (se però si è iscritti al Pd, non bisognerà versare alcuna cifra). Il voto si esprime tracciando un segno su una delle tre liste di candidati all’Assemblea nazionale.

I seggi sono a vostra disposizione dalle 8:00 alle 20:00. I fuori sede – così come i cittadini tra i 16 e i 18 anni – potevano registrarsi per votare entro le ore 12:00 del 25 febbraio 2019.

LEGGI ANCHE: Primarie Pd 2019, come e dove si vota per il segretario del partito

Primarie Pd 3 marzo dove si vota | I candidati

I candidati in questione per le elezioni del Segretario del Pd sono tre: Nicola Zingaretti, il quale ha ottenuto  88.918 voti (47,38 per cento), Maurizio Martina con 36,10 per cento dei voti e infine Roberto Giachetti, con l’11,13 per cento dei voti.

LEGGI ANCHE: Primarie Pd 2019, ecco tutti i candidati

Cosa succede dopo? Il 17 marzo 2019 si svolge poi l’Assemblea nazionale durante la quale verrà proclamato segretario del Pd il candidato che avrà ottenuto almeno il 50 per cento + 1 dei voti.

Nel caso in cui nessun candidato non raggiunga la maggioranza assoluta, allora in sede di Assemblea si terrà un ballottaggio tra i due candidati che hanno ricevuto più voti.

LEGGI ANCHE: La storia del Pd, dalla fondazione a oggi

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI