Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:32
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Primarie Pd 2019: come e dove si vota per il segretario del partito

Immagine di copertina

Il Partito democratico elegge il suo nuovo segretario il 3 marzo 2019: le urne sono aperte dalle 9 fino alle 20.

Le votazioni sono aperte a tutti gli elettori e le elettrici che dichiarino di riconoscersi nella proposta politica del Pd e di voler sostenere il partito alle prossime elezioni.

Per partecipare all’elezione del Segretario e dell’Assemblea nazionale del Partito democratico bisogna esibire il proprio documento di riconoscimento e la propria tessera elettorale, oltre a pagare un contributo simbolico di 2 euro.

Solo gli iscritti al Pd non devono versare i due euro.

> Primarie Pd: tutto quello che c’è da sapere

Per esprimere il proprio voto basta tracciare un segno su una delle 3 liste di candidati all’Assemblea nazionale.

Nicola Zingaretti, Maurizio Martina e Roberto Giachetti hanno presentato il loro programma di riforma del Pd in diretta televisiva u Sky giovedì 28 febbraio alle ore 13.

A questo link tutto quello che c’è da sapere sui candidati

Primarie Pd | Come si vota

Le elettrici e gli elettori che il 3 febbraio desiderano partecipare alle elezioni del Segretario del Pd possono scegliere fra i tre candidati più votati nelle riunioni dei circoli.

Si tratta di Nicola Zingaretti, che ha ottenuto 88.918 voti (47,38 per cento), Maurizio Martina, con il 36,10 per cento dei voti e Roberto Giachetti, che ha ottenuto l’11,13 per cento dei voti.

> Primarie Pd: tutte le tappe che portano alle elezioni

Sono stati quindi esclusi dalla corsa alla segreteria Francesco Boccia, Maria Saladino e Dario Corallo.

Tracciando un segno su una delle 3 liste di candidati all’Assemblea nazionale è possibile esprimere la propria preferenza.

Primarie Pd | Dove si vota

Per esprimere la propria preferenza il 3 marzo basta presentarsi al proprio seggio, ricordandosi di portare con sé un documento di identità e la tessera elettorale. I seggi sono aperto dalle 8:00 alle 20:00.

I fuori sede e i cittadini tra i 16 e i 18 anni potevano registrarsi fino alle ore 12 del 25 febbraio.

A questo link tutte le informazioni per trovare il proprio seggio.

Questo il fac simile della tessera elettorale:

Ti potrebbe interessare
Politica / Green Pass, Letta: “Salvini su questi temi è irrilevante nel Governo, nemmeno la Lega lo segue”
Politica / Don Matteo della Mancia: Salvini ha scambiato i social per la realtà e si è perso per strada la Lega
Politica / Il candidato di centrodestra Bernardo agli alleati: "Datemi i soldi della campagna elettorale o mi ritiro"
Ti potrebbe interessare
Politica / Green Pass, Letta: “Salvini su questi temi è irrilevante nel Governo, nemmeno la Lega lo segue”
Politica / Don Matteo della Mancia: Salvini ha scambiato i social per la realtà e si è perso per strada la Lega
Politica / Il candidato di centrodestra Bernardo agli alleati: "Datemi i soldi della campagna elettorale o mi ritiro"
Politica / Vittorio Feltri: “Il centrodestra è una coalizione del ca**o. A Milano vincerà Sala”
Politica / Caos Lega: ora Salvini sta scontentando tutti. L’ala “no green pass” è sul piede di guerra
Politica / La lista della Lega esclusa dalle comunali a Napoli: il Consiglio di Stato conferma la decisione
Politica / "Bertolaso vice di Calenda? Forza Italia vuole lasciare Michetti e guarda al candidato di Azione" (di M. Antonellis)
Politica / Conte a TPI: “Abolire il reddito di cittadinanza? Devono passare sul mio cadavere”
Politica / Il marito di Casellati inseguito dal Fisco per 145mila euro di Ici non pagata: la storia sul settimanale di TPI
Politica / Il governo pensa a uno stanziamento di 3 miliardi per limitare l’aumento delle bollette