Covid ultime 24h
casi +28.352
deceduti +827
tamponi +222.803
terapie intensive -64

Fidanzata con un nigeriano critica Salvini su Facebook, ricoperta da osceni insulti sessuali

"Ti piace la mi***a grossa" e "Ti fai sbattere dai ne**i" sono solo alcuni dei commenti

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 24 Feb. 2019 alle 12:45
0
Immagine di copertina
Martina Mondini e il fidanzato Slim Joe. Credit: Facebook

Martina Mondini, una ragazza di 25 anni di Stradella (Pavia), è stata ricoperta di pesanti insulti a sfondo sessuale su Facebook dopo avere pubblicato un commento critico su Matteo Salvini.

La ragazza è fidanzata con un nigeriano di 32 anni di nome Slim Joe, sotto le foto che li ritraggono insieme sono stati pubblicati una serie di insulti razzisti e offensivi da diversi utenti.

Martina Mondini è un’educatrice che lavora nel centro di accoglienza del comune pavese. A riportare per primo la notizia è stato il quotidiano La Provincia Pavese.

Martina e Joe si sono conosciuti proprio al centro di accoglienza di Stradella (Pavia). Il ragazzo nigeriano è arrivato in Italia nel 2015 su un barcone da richiedente asilo. Slim Joe è laureato in Statistica. Dal 2017 lavora in un’azienda della zona con un contratto a tempo indeterminato.

“Non capisco il perché di tanto odio – ha scritto la ragazza in risposta agli insulti a sfondo sessuale ricevuti su Facebook -. Chi mi ha insultata dovrebbe conoscere il mio ragazzo, si renderebbe conto dell’assurdità del proprio pensiero”.

Martina Mondini racconta anche del commento critico che aveva pubblicato sui social su Salvini “Ero arrabbiata, ho scritto che Salvini prima di parlare di integrazione dovrebbe sciacquarsi la bocca. Non ho insultato nessuno, ho solo manifestato legittimamente il mio dissenso”.

La cugina di Martina ha condiviso gli screenshot dei commenti scritti dagli utenti. Tanti sono stati rimossi ma Martina li ha conservati.

Il post della cugina di Martina Mondini

“Qualche giorno fa il ministro Salvini ha postato sulla sua pagina Facebook un video in cui durante un collegamento con Massimo Giletti, su La7, raccontava di una signora delLa Maddalena che dopo averlo incontrato gli ha regalato un rosario. Nello stesso video, poco dopo aver baciato il crocifisso, ha espresso quello che, dal suo punto di vista, implica l’avere a cuore i bambini (africani e italiani) e l’agire nei loro interessi. Concetti nei confronti dei quali una libera cittadina s’è sentita di esprimere dissenso attraverso un commento. Ciò che ne è derivato e che stasera voglio condividere con voi è stata una scarica violentissima di risposte marcatamente razziste, sessiste e assolutamente non pertinenti. Non un’argomentazione, non un tentativo di confronto, non un abbozzo di dialogo, non un “credo che tu ti possa sbagliare perché…”. Solo commenti volgari e nella maggior parte dei casi grammaticalmente scorretti. Li hanno scritti uomini, ma anche tante donne. Qualcun* di loro, si evince dalle foto pubbliche sul profilo, nella vita di tutti i giorni indossa pure una divisa. I commenti, dopo poco tempo e alcune segnalazioni, sono stati rimossi ma fortunatamente Martina, che è mia cugina e stasera a cena mi ha raccontato l’accaduto, li ha conservati in alcuni screenshot. Di seguito ne riporto solo alcuni. Ho deciso di oscurare i nomi e le foto di questi leoni da tastiera perché additare colpevoli e alimentare il circolo dell’odio non è ciò che personalmente mi interessa, ma dare peso alle parole e diffondere ciò che è tristemente reale sì. Queste persone non conoscono Martina; non conoscono la sua vita, il suo trascorso, la sua preparazione accademica o professionale e non conoscono il suo impegno sociale. Si sono semplicemente imbattute in una foto di profilo in cui appare a fianco del suo compagno, un ragazzo nigeriano, e lì si sono fermate. Le hanno vomitato addosso tutta la loro rabbia e l’insoddisfazione. Senza contare la gravità delle allusioni all’acido o alla candeggina in un’epoca in cui il vitriolage sta contando sempre più vittime. Fatti e parole a mio avviso gravissime che non dovremmo lasciar passare inosservate. E intanto, invece, è stato impedito a lei di lasciare ulteriori commenti ai post della pagina…..Così, giusto per viaggiare consapevoli verso l’8 marzo”.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.