Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Diciotti, l’atto di accusa contro Salvini è stato trasmesso al tribunale dei ministri

Immagine di copertina
Credit: Giovanni Isolino/Afp/Getty

I reati contestati sono sequestro di persona, arresto illegale e abuso d'ufficio. Sono ipotizzati anche quelli di sequestro di persona a scopo di coazione e omissione d'atti d'ufficio

Il fascicolo con gli atti dell’inchiesta della procura di Agrigento sul caso Diciotti, che vede indagati il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, e il suo capogabinetto Matteo Piantedosi, ha lasciato il palazzo di giustizia della Valle dei Templi per Palermo.

Il corriere incaricato dalla Procura di Agrigento è partito alla volta di Palermo accompagnato da uomini della Guardia costiera cui sono state delegate le indagini dal procuratore Luigi Patronaggio.

A essere contestati sono i reati di sequestro di persona, arresto illegale e abuso d’ufficio; ipotizzati anche quelli di sequestro di persona a scopo di coazione e omissione d’atti d’ufficio.

Gli atti sono indirizzati al procuratore della Repubblica di Palermo, Francesco Lo Voi, che entro due settimane dovrà valutare l’incartamento e decidere se confermare o ridimensionare l’impianto accusatorio.

Poi il caso sarà nelle mani dei tre giudici che compongono il tribunale dei ministri di Palermo che, entro 90 giorni, potranno fare altri accertamenti e ascoltare le “parti interessate”.

Il ministro Salvini ha già annunciato che vorrà essere interrogato. Potrebbero chiedere un’audizione anche le “parti offese” dei reati, ovvero i migranti.

“Alcuni vogliono costituirsi parte civile contro il ministro dell’Interno”, ha detto l’europarlamentare Eleonora Forenza che ieri si è recata nell’hotspot di Messina dove sono ospitati 38 migranti.

Alla notizia della trasmissione a Palermo degli atti dell’indagine a suo carico, Salvini ha scritto su Twitter: “Cinquanta pagine di accuse nei miei confronti, cinque reati contestati, trenta anni di carcere come pena massima. Di politici ladri, incapaci e codardi l’Italia ne ha avuti abbastanza. Contate su di me, io conto su di voi”.

Quando il procuratore Patronaggio era salito a bordo della nave della Guardia costiera, ferma al porto di Catania, aveva affermato: “La politica e l’alta amministrazione sono libere di prendere le scelte che ritengono opportune. Alla magistratura resta la valutazione giuridica di quanto avviene su sfere e ambiti diversi. Ovviamente qualsiasi limitazione della libertà personale deve fare i conti con norme e regole della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo, della Costituzione, del Codice penale e del Codice di procedura penale. Non si scappa”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI