Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Di Maio, la casa di famiglia a Pomigliano d’Arco era abusiva e fu condonata

Immagine di copertina
Fonte: Twitter

Grazie ai lavori di ampliamento, il padre del vicepremier ha realizzato bagni, camere da letto, un tinello e uno studio nella casa di famiglia

Dopo la tragedia di Casteldaccia, in provincia di Palermo, torna alla ribalta il tema dell’abuso edilizio e dei condoni in Italia.

Le 9 persone che hanno perso la vita dopo essere state travolte dalle acque del fiume Milicia si trovavano in una villa abusiva costruita a 200 metri dal fiume e a 200 metri dall’autostrada, senza la licenza edilizia.

Adesso la polemica su abusi e condoni ha travolto anche la famiglia del ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio.

La richiesta di condono – Secondo quanto riportato da Repubblica, il padre del vicepremier, geometra e piccolo imprenditore, avrebbe fatto ricorso alla legge 47 del 1985, la prima sanatoria a maglie larghe del governo Craxi, per sanare gli abusi edilizi della casa di famiglia a Pomigliano D’Arco.

Si tratta di 150 metri quadri di abusi su due livelli nati a seguito di lavori di ampliamento al secondo e terzo piano dell’abitazione della famiglia Di Maio.

Nel 2006, il padre del vicepremier ha ricevuto il conto del condono: Antonio Di Maio avrebbe quindi versato 2mila euro per le procedure di sanamento di un appartamento ricavato ex novo.

I lavori alla casa di famiglia – Grazie ai lavori di ampliamento sono stati realizzati bagni, camere da letto, un tinello e uno studio.

Secondo le carte analizzate da Repubblica, le modifiche sono state realizzate in anni diversi e sono state registrate come funzionali all'”ampliamento di un fabbricato esistente al secondo e terzo piano”.

Inoltre, solo 75 metri quadri su 150 condonati sono riportati come abitabili.

La pratica per il condono di casa Di Maio si è conclusa come detto nel 2006, anno in cui l’attuale ministro del Lavoro era già impegnato in politica con il Movimento 5 Stelle.

Del condono però il vicepremier non ha mai parlato e la questione adesso imbarazza ancora di più il movimento, dal momento che il tema è ampliamente discusso.

Repubblica ricorda anche che la sindaca di Quarto, Rosa Capuozzo, fu allontanata dai 5 Stelle proprio a causa di un abuso edilizio.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI