Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:35
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Castrazione, la Lega ritira l’emendamento ma vota a favore di un ordine del giorno di Fratelli d’Italia. M5s contro

Immagine di copertina

La maggioranza si spacca sulla castrazione chimica. La Lega, che ieri aveva ritirato l’emendamento al ddl codice rosso per non creare fratture con gli alleati di governo, oggi, 3 aprile, ha votato a favore di un ordine del giorno di Fratelli d’Italia. Il Movimento Cinque Stelle vota invece contro, insieme alle opposizioni. L’odg è stato respinto con 383 no, 126 sì e un astenuto.

“La maggioranza è andata in frantumi alla Camera. Però governano né d’amore né d’accordo. Solo potere per il potere”, ha dichiarato il deputato di Forza Italia Giorgio Mulè.

“La corsa Salvini-Meloni a scavalcarsi a destra si schianta contro i numeri”, dichiara invece Mariastella Gelmini.

La Lega vota compatta a favore, tranne un deputato “dissidente”, Giuseppe Basini, che si è astenuto.

“Credo che lo Stato non abbia mai diritto di interferire in questa maniera. Se uno ha tendenze aggressive dobbiamo permettere la lobotomia prefrontale? Io non credo che faccia parte del diritto e delle nostre tradizioni un provvedimento come questo”, ha dichiarato il deputato.

Il dietro front della Lega sulla castrazione chimica era stato annunciato dalla ministra della Pubblica amministrazione, Giulia Bongiorno, che aveva detto che l’obiettivo era far approvare il codice rosso. La ministra aveva comunque promesso che un emendamento sulla castrazione farmacologica sarebbe comunque stato presentato in futuro.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI