Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:43
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Migranti

Migranti, sbarcate a Pozzallo oltre 200 persone. Unhcr: “Salve per miracolo”. Salvini: “Malta vergognosa”

Immagine di copertina
Credit: ARIS MESSINIS/AFP/Getty Images

Sbarco Pozzallo oggi | Sono state completate nella notte tra sabato 24 e domenica 25 novembre le operazioni di sbarco degli oltre 200 migranti soccorsi in mare e giunti nel porto di Pozzallo, in Sicilia.

L’agenzia Onu per i rifugiati (Unhcr) ha fatto sapere che le operazioni hanno consentito a 220 migranti di sbarcare “miracolosamente” a Pozzallo.

“Questo barchino traballante ha portato 220 persone in mare per 3 giorni, senza cibo/acqua. Sono miracolosamente vivi a Pozzallo”, si legge in un tweet dell’agenzia.

“Altri invece sono scomparsi in queste stesse ore. Il soccorso in mare è fondamentale, assieme a un meccanismo sicuro e prevedibile di approdo”, prosegue la nota.

Secondo l’agenzia Ansa i migranti erano in tutto 236. Si tratta per la maggior parte somali ed eritrei e sono già stati trasferiti all’hot spot.

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha accusato Malta di non aver soccorso l’imbarcazione che era stata avvistata in zona Sar maltese e ha parlato di un atteggiamento “vergognoso” da parte di La Valletta.

“Ci risiamo – ha detto Salvini -. Un pattugliatore maltese ha invertito la rotta, abbandonando un barcone con 150/200 immigrati in mezzo al Mediterraneo e in direzione dell’Italia. La Valletta aveva preso il coordinamento delle operazioni di soccorso, ma come al solito sta cercando di rifilare gli immigrati al nostro Paese. È l’ennesima vergogna, degna di questa Unione europea incapace e dannosa. A Bruxelles sono troppo impegnati a scrivere letterine contro l’Italia per occuparsi di questi problemi”.

È un weekend concitato nel Mediterraneo, dove le segnalazioni di imbarcazioni in difficoltà si susseguono.

Tra queste, un rimorchiatore in servizio presso le piattaforme davanti alla Libia che ha soccorso 120 migranti a bordo di un gommone che avevano lanciato un allarme nel pomeriggio di venerdì 23 novembre 2018.

A raccogliere l’allarme erano state le navi delle Ong Proactiva Open Arms e Mediterranea. Il rimorchiatore ha raggiunto il gommone attorno alle tre di notte, secondo quanto si è appreso da fonti italiane. La nave avrebbe poi recuperato i migranti e sarebbe in attesa dell’arrivo di una motovedetta della Guardia costiera libica, che ha comunicato alle autorità italiane di aver preso il coordinamento dei soccorsi.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, Donald Trump vince le primarie repubblicane in South Carolina ma la sfidante Nikki Haley non si ritira
Esteri / La Città Santa delle droghe: la piaga della tossicodipendenza a Gerusalemme Est
Esteri / Fattore Trump: così il possibile ritorno di The Donald alla Casa bianca allunga le guerre in Ucraina e a Gaza
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, Donald Trump vince le primarie repubblicane in South Carolina ma la sfidante Nikki Haley non si ritira
Esteri / La Città Santa delle droghe: la piaga della tossicodipendenza a Gerusalemme Est
Esteri / Fattore Trump: così il possibile ritorno di The Donald alla Casa bianca allunga le guerre in Ucraina e a Gaza
Esteri / Gaza, il bilancio delle vittime sale a 29.692 morti. Media: il Qatar ospiterà i negoziati per la tregua
Esteri / Reportage TPI – Non solo Gaza: viaggio nell’altra guerra ai palestinesi nei Territori occupati di cui nessuno parla
Esteri / Navalny, le autorità russe restituiscono il corpo alla madre
Esteri / Affari armati: ecco tutti i numeri sugli aiuti militari all’Ucraina
Esteri / L’Italia ha firmato un patto di sicurezza con l’Ucraina: ecco cosa prevede
Esteri / Meloni a Kiev: “L’Ucraina è casa nostra. La difenderemo” | VIDEO
Esteri / Gaza, Lula non si scusa ma insiste: "Non è una guerra ma un genocidio"