Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 14:19
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Migranti

“Aiuto, stiamo annegando”: soccorso il gommone in avaria con a bordo 120 migranti al largo della Libia

Immagine di copertina
Credit: Afp

A raccogliere la richiesta di soccorso è stata la nave Mediterranea, che ha trasmesso le coordinate alle autorità libiche

Un rimorchiatore in servizio presso le piattaforme davanti alla Libia ha soccorso i 120 migranti a bordo di un gommone che avevano lanciato un allarme nel pomeriggio di venerdì 23 novembre 2018.

A raccogliere l’allarme erano state le navi delle Ong Proactiva Open Arms e Mediterranea. Il rimorchiatore avrebbe raggiunto il gommone attorno alle tre di notte, secondo quanto si apprende da fonti italiane. La nave avrebbe poi recuperato i migranti e sarebbe in attesa dell’arrivo di una motovedetta della Guardia costiera libica, che ha comunicato alle autorità italiane di aver preso il coordinamento dei soccorsi.

La richiesta d’aiuto

Erano le 19,32 del 23 novembre quando un gommone in avaria nelle acque libiche ha lanciato l’allarme, chiedendo aiuto: “Imbarchiamo acqua. Correte, stiamo annegando tutti”. La piccola imbarcazione si trovava di fronte alla città di Zuwara. Secondo le prime indicazioni fornite dai volontari del servizio telefonico Alarm Phone, sarebbero 120 le persone a bordo del gommone, tra cui donne e bambini.

Immediatamente si sono attivate le navi della Ong spagnola Open Arms e il rimorchiatore italiano Mare Ionio del progetto Mediterranea, con a bordo anche il parlamentare di Leu, Nicola Fratoianni. Poco dopo le 22, le due navi si trovavano ancora a circa 80 miglia di distanza dal punto da cui è provenuto l’allarme.


Le coordinate sono state trasmesse dagli italiani che, avvertiti sin dal primo minuto dal ponte di comando della Mare Ionio, sono riusciti a localizzare il numero del telefono satellitare Thuraya che da cui era partita la prima chiamata, avvenuta poco dopo le 16. Così Mare Ionio è stata in grado di fornire le giuste coordinate del gommone sia agli attivisti sia alla guardia costiera libica per attivare le operazioni di soccorso.

Leggi anche: Migranti, l’Onu condanna l’Italia: “Diffama e criminalizza le Ong”

Ti potrebbe interessare
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Kamala Harris ai migranti: “Non venite negli Stati Uniti, sarete rispediti indietro”
Migranti / La Danimarca approva una legge per ricollocare i richiedenti asilo fuori dall’Europa
Ti potrebbe interessare
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Kamala Harris ai migranti: “Non venite negli Stati Uniti, sarete rispediti indietro”
Migranti / La Danimarca approva una legge per ricollocare i richiedenti asilo fuori dall’Europa
Migranti / 40mila migranti respinti illegalmente dai Paesi europei (Italia inclusa): 2mila morti. L'inchiesta del Guardian
Migranti / Naufragio al largo della Libia, Mezzaluna Rossa: "50 morti"
Migranti / Migranti: naufragio al largo della Libia, 11 corpi recuperati
Migranti / Senza gli immigrati l’economia italiana crollerebbe: ogni anno producono il 9% del Pil. Il rapporto della fondazione Leone Moressa
Migranti / Barcone con 56 persone a bordo si capovolge a largo della Libia, l’allarme di Unhcr
Migranti / Migranti, nessuna invasione: il rapporto che smentisce le fake news su chi arriva in Italia
Migranti / Ocean Viking, i 182 migranti sbarcheranno a Messina